A quando il download dell’app Immuni: parla Conte, data di fine maggio?

Ci siamo quasi per il lancio, le indicazioni temporali del premier e altri indizi

3
CONDIVISIONI

Se ne è parlato tantissimo ma quando sarà disponibile il download dell’app Immuni? Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, nella conferenza stampa di ieri sera 16 maggio, ha parlato dello strumento di tracciamento accennando alla sua disponibilità. Pur non fornendo una tempistica ben precisa, ha comunque dato delle indicazioni interessanti a questo proposito

Proprio Conte ha parlato di disponibilità al download dell’app Immuni nei prossimi giorni. C’è da aspettarsi dunque che lo strumento di tracciamento arrivi già nella settimana in partenza da domani lunedì 18 maggio? In realtà il premier ha parlato testualmente di “sperimentazione”, magari di una beta aperta ad un numero di tester limitato, ma su questo punto non ci sono dettagli ulteriori.

Per quanto riguarda invece il momento esatto in cui il download dell’app Immuni sarà invece disponibile per tutti? Il sito Wired afferma di aver ricevuto delle notizie in anteprima in riguardo e l’appuntamento fissato con lo strumento di tracciamento sarebbe quello del prossimo 29 maggio. Sempre che la fase di test non evidenzi particolari criticità e dunque fili tutto liscio, senza bug e soprattutto nuove incertezze.

In effetti va chiarito che sul tool della società Bending Spoons si è appena pronunciato anche il Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica (Copasir). Quest’ultimo, pur non avendo bocciato del tutto l’app, ne ha messo in evidenza i suoi particolari punti critici. In primis si è sottolineato come ci siano ancora dubbi sulla metodologia di raccolta dati dei cittadini per la loro privacy ma sia importante anche chiarire meglio la questione aggiornamento del tool per tutto il periodo in cui sarà necessario. Per finire vengono avanzati dubbi, come pure in passato, sulla composizione societaria di Bending Spoons e le quote di personaggi e gruppi non certo lontani dal mondo politico e dell’alta finanza italiana (come nel caso dei figli di Berlusconi). Su questi aspetti, magari ben presto ci saranno nuovi dettagli a disposizione.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.