White Lines di Alex Pina è ispirata a Narcos: com’è nata la serie anglo-ispanica di Netflix che potrebbe avere 3 stagioni

La serie ambientata tra Ibiza e Manchester, prodotta dal creatore de La Casa di Carta col produttore di The Crown, si ispira alla saga di Escobar

27
CONDIVISIONI

Prima serie firmata dal creatore de La Casa di Carta dopo la firma del suo accordo d’esclusiva con Netflix, White Lines di Alex Pina è stata una sfida produttiva notevole: ambientato tra Manchester e Ibiza, questo giallo che si svolge su due linee temporali diverse è una produzione anglo-ispanica targata The Left Bank (la società produttrice del period drama The Crown sul regno di Elisabetta II) e Vancouver Media (La Casa de Papel, Il Molo Rosso, Sky Rojo).

Un esperimento audace, quello di mettere insieme gli inglesi e gli spagnoli in una produzione ambientata tra Regno Unito e Spagna, con l’isola della movida per eccellenza delle Baleari grande protagonista di una storia eccentrica di omicidi, relazioni pericolose e fiumi di cocaina.

Non a caso a ispirare il capo della Left Bank Pictures Andy Harries e Álex Pina di Vancouver Media è stata la saga di Narcos, altra produzione internazionale Netflix che ha dimostrato come una serie bilingue possa essere recepita in tutto il mondo da un pubblico amplissimo.

Le due anime di White Lines, quella spagnola e quella inglese, sono state amalgamate in tutte le fasi dello sviluppo e della produzione della serie, come hanno spiegato i due produttori a Deadline alla vigilia del debutto su Netflix: White Lines è scritta da cinque sceneggiatori spagnoli e uno inglese bilingue e vanta un cast che ha attori originari di entrambi i Paesi (i cui personaggi parlano naturalmente le rispettive lingue), così come i registi degli episodi e i direttori di casting.

La storia del DJ inglese assassinato in circostanze misteriose ad Ibiza negli anni Novanta e l’indagine di sua sorella sulla sua morte vent’anni dopo sono i due filoni del racconto che procedono paralleli in White Lines. Il tutto accompagnato da un tripudio di colori, folklore e crimini che promettono di tenere incollato il pubblico di episodio in episodio.

Harris e Pina sono entusiasti di questa collaborazione che fino a qualche anno fa (e comunque senza uno streamer globale) sarebbe parsa impossibile: “È un vero successo aver unito queste due aziende. Dimostra che puoi fare spettacoli per il pubblico di lingua spagnola e inglese senza alcun compromesso” ha dichiarato a Deadline il capo della Left Bank, che ha anche ironizzato definendo questa serie, realizzata in tempo di Brexit, “l’ultimo tentativo di dimostrare che la Gran Bretagna dovrebbe far parte dell’Europa”.

Nelle intenzioni dei creatori, White Lines dovrebbe avere tre stagioni, ma il rinnovo spetta ovviamente a Netflix in base alle visualizzazioni che realizzerà. Per ora Alex Pina la definisce “una ventata d’ossigeno” in questo periodo di pandemia: “Gli spettacoli pieni di sole, pieni di luce, ricchi di paesaggi meravigliosi sono sempre importanti. Che esca in questo momento è fantastico. Le persone non possono andare alle Isole Baleari adesso e questa è la miglior cosa che gli si avvicina”.