Maleficent 2, il film con Angelina Jolie arriverà a fine maggio su Disney+

Il film fantasy con Angelina Jolie sarà disponibile su Disney+ a partire dal 29 maggio 2020

50
CONDIVISIONI

Maleficent – Signora del Male arriverà su Disney+ a partire dal prossimo 29 maggio. L’apprezzato film, in cui le donne sono le indiscusse protagoniste, sarà disponibile per tutti gli abbonati alla piattaforma di streaming.

Diretta da Joachim Rønning, la pellicola, uscita nel 2019 nelle sale cinematografiche, ha incassato al botteghino 492 milioni di dollari. Il remake/spin-off del classico Disney La Bella E La Bestia ha diviso la critica, ricevendo sia pareri positivi che negativi.  

Maleficent 2: trama e cast

Sono passati 5 anni dalla riunificazione dei regni. La principessa Aurora (Elle Fanning), oramai cresciuta, è quasi pronta a essere incoronata. Malefica (Angelina Jolie) viene spinta dalla regina Ingrith (Michelle Pfeiffer) a far emergere il suo lato peggiore. Questo magico mondo si troverà quindi a essere nuovamente in pericolo.

Nel cast troviamo Angelina Jolie (conosciuta per le interpretazione ne Il collezionista d’ossa, Amore senza confini e Tomb Raider), Elle Fanning, Michelle Pfeiffer, Chiwetel Ejiofor, Sam Riley, Harris Dickinson, Ed Skrein, Imelda Staunton, Juno Temple e Lesley Manville. A dirigere questa pellicola è stato Joachim Rønning, il regista dell’ultimo capitolo della saga de Pirati dei Caraibi (2017).

Maleficent – Signora del Male, sequel del film del 2014, è un fantasy con una storia semplice, pensata appositamente per il pubblico più giovane. Le caratteristiche più interessanti di questo film sono gli incredibili paesaggi, gli effetti visivi, gli scontri emozionanti, le creature fatate realizzate in modo (per quanto possibile) credibile e gli abilissimi interpreti.

La storia de La Bella E La Bestia è stata trattata in un modo diverso, rendendo la trama inedita anche per tutti coloro i quali hanno visto il classico Disney.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.