Umbria Jazz 2020 annullato per Coronavirus

Arriva l'annuncio da parte dell'organizzazione che ha deciso di cancellare la prossima edizione

1
CONDIVISIONI

Umbria Jazz 2020 annullato a causa del perdurare dell’emergenza generata da COVID-19. A darne l’annuncio è l’organizzazione dell’evento, che ha reso note le motivazioni che l’ha spinta a prendere una decisione così importante per una manifestazione storica.

“Questa dolorosa decisione è stata presa dalla Fondazione di partecipazione Umbria Jazz, a causa del prolungarsi dell’emergenza sanitaria dovuta alla pandemia di coronavirus COVID-19 e all’incertezza che rende impossibile al momento la presenza dei tanti artisti internazionali. Prendiamo atto infatti che quest’anno sarà impossibile realizzare un’edizione di Umbria Jazz come l’abbiamo sempre immaginata, ideata e proposta”.

I biglietti rimangono validi per il 2021

I biglietti acquistati per l’edizione 2020 rimarranno validi per il prossimo anno e non ci saranno rimborsi, bensì un voucher che consentirà l’ingresso agli eventi schedulati per il 2021. La sorte della kermesse era già segnata dopo i primi annullamenti dei concerti in programma, ma si attendeva ancora una nota ufficiale da parte dello staff.

L’edizione 2020 di Umbria Jazz avrebbe dovuto tenersi dal 10 al 19 giugno a Perugia. Era quindi impensabile che la kermesse potesse avere luogo, con l’emergenza sanitaria ancora in corso e le regole sul distanziamento sociale ancora in atto.

Si tratta, quindi, di una notizia certamente dolorosa per l’organizzazione e per coloro che avevano deciso di prendervi parte, compresi gli artisti che hanno dovuto cancellare i loro impegni con la musica dal vivo per rispettare le restrizioni per contenere il contagio da Covid-19.

Si va verso un 2020 completamente in silenzio, anche se resistono gli spettacoli dal vivo che dovrebbero tenersi nei prossimi mesi autunnali. Ancora incerto, invece, il futuro dei concerti negli stadi in programma nelle prossime settimane e che non sono stati annullati. Si attendono notizie certe da parte del Governo in merito al corretto svolgimento degli eventi, nei quali non solo sono coinvolti gli artisti ma anche i tanti lavoratori dello spettacolo che meritano certezze sul futuro.

Nei giorni scorsi, è arrivato anche l’annuncio dell’annullamento del Festival Show, storica manifestazione che da anni anima le piazza del Nord Italia. Difficile poter immaginare un’estate all’insegna della musica dal vivo o comunque senza distanziamento sociale, che rimane impensabile per un evento musicale.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.