L’incognita Homeland 9, se Netflix salvasse la serie dalla cancellazione?

Dopo il finale shock dell'ottava ed ultima stagione, l'idea di realizzare Homeland 9 non è del tutto estranea agli showrunner della serie...

4
CONDIVISIONI

E se Homeland 9 non fosse un miraggio, ma un’ipotesi realizzabile? La serie drammatica di genere thriller di spionaggio che ha raccontato la lotta al terrorismo nell’era delle guerre post 11 settembre si è conclusa ufficialmente con l’ottava stagione, ma i suoi showrunner non chiudono definitivamente le porte ad un’eventuale prosecuzione della storia di Carrie Mathison (Claire Danes), soprattutto dopo il finale shock della serie.

I creatori Howard Gordon e Alex Gansa, che hanno sviluppato la serie per il canale via cavo americano Showtime a partire dal thriller israeliano Prisoners of War, hanno concluso l’avvincente saga (amata tra gli altri anche da Barack Obama e Hillary Clinton) lasciando delle domande inevase che potrebbero ipoteticamente trovare risposte in un revival o in una successiva stagione.

Per ora Homeland 9 non è nei piani di Showtime, che ha annunciato all’inizio dell’anno l’intenzione di non rinnovare la serie oltre l’ottavo capitolo. Ma se intervenisse un nuovo broadcaster a salvare Homeland dalla cancellazione? Se fosse Netflix, ad esempio, a proporre agli showrunner una nuova stagione della serie o magari la realizzazione di un film?

A quest’ultima domanda ha risposto Alex Gansa, in un’intervista a EW dedicata al finale di serie, confermando che entrambi gli showrunner sono aperti ad ogni ipotesi, ma certo bisognerebbe contemplare anche le esigenze e le volontà dei protagonisti (e Claire Danes ha più volte dichiarato di volersi fermare per dedicarsi alla famiglia, cosa che ha dovuto sacrificare perché la serie l’ha costretta a girare il mondo negli ultimi otto anni).

Come ha detto Howard, “mai dire mai”. Siamo tutti contenti di come abbiamo finito lo spettacolo e la serie. Un altro capitolo non sembra necessario al momento. Ma chissà cosa succederà. Chissà cosa vogliono fare Claire e Mandy. Chissà cosa vuole fare Howard. Non sappiamo cosa succederà. Per ora, sembra una conclusione.

Parlando a Deadline, lo stesso Gansa ha specificato di aver volutamente lasciato al pubblico un finale aperto che potesse spingere gli spettatori ad immaginare un futuro, anche se formalmente questa è l’ultima stagione della serie. E gli showrunner ne sono consapevoli sin dalla quinta, dunque hanno avuto tutto il tempo di meditare e realizzare il loro finale ideale.

Quello a cui tenevamo di più era permettere a questa storia di continuare nell’immaginazione dei nostri fan. Non terminare bruscamente la storia, ma lasciarla proseguire e lasciare che la gente pensasse ‘mio ​​Dio, che cosa succederà dopo?’ Invece di rispondere a questa domanda, lasciamo che la speranza la porti avanti.

Per ora nessun altro network o servizio streaming si è fatto avanti con una proposta per Homeland 9, ma non si esclude che, tra qualche anno, la serie possa avere un revival come accaduto a tante produzioni di successo in questi ultimi anni.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.