L’elogio di Renato Zero agli studenti del Conservatorio Pergolesi di Fermo per la cover di Amico (video)

Il lavoro dei giovani fermani è arrivato fino alle orecchie di Renato Zero che, entusiasta, ha condiviso il video della cover di Amico

3
CONDIVISIONI

Un elogio di Renato Zero agli studenti del Conservatorio Pergolesi di Fermo dopo la straordinaria cover di Amico dei ragazzi dell’istituto marchigiano. Il brano rivisitato dagli aspiranti musicisti è arrivato fino alle orecchie del cantautore romano, che ha deciso di condividere il video.

Sono parole di entusiasmo, le sue, rivolte tutte a una generazione con un futuro che scricchiola ma al quale non si vuole arrendere. In queste settimane di quarantena, Amico è diventata la colonna sonora di molti momenti di speranza ma anche di crisi, nei quali si è sentito l’estremo bisogno di appigliarsi a qualcosa pur di andare avanti e affrontare le difficoltà.

Claudio Bellumore è il direttore del coro virtuale che ha interpretato Amico. Una scelta che non è casuale, quella dei ragazzi di Fermo, che con il brano a firma Fiacchini-Evangelisti-Baldan Bembo hanno voluto lanciare un messaggio di speranza all’avvio della Fase 2, ancora caratterizzata da alcune restrizioni per il contenimento del contagio da Covid-19 che impongono di non poter incontrare gli amici.

Renato Zero ricorda il progetto Fonopoli

In occasione della condivisione del video dedicato ad Amico, Renato Zero è tornato anche sul progetto Fonopoli che non ha potuto avere luogo per i troppi problemi burocratici da superare. Ha inoltre dato forza ai giovani che hanno bisogno di una spalla per affrontare il futuro.

Il Re dei Sorcini potrebbe tornare con nuova musica

Non è da escludersi un imminente ritorno musicale di Renato Zero, in vista di un compleanno molto importante, quello dei 70 anni. A far ben sperare è l’immagine di un mixer postata da un membro del suo staff, che suggerisce nuova arte dopo Zero Il Folle, album con il quale ha raggiunto alcuni dei maggiori palasport italiani.

La tournée si è conclusa con la data del 3 gennaio al Palazzo dello Sport di Roma, dal quale aveva promesso un nuovo incontro a settembre. Il perdurare della pandemia potrebbe far saltare l’appuntamento, ma per il momento niente è ancora certo. Si attendono le nuove disposizioni del Governo per conoscere quale sia il futuro della musica dal vivo.

Abbiamo venduto le nostre opere originali per poi accattarci fac-simili orrendi ed offensivi. Questo nostro Paese prima…

Pubblicato da Renato Zero su Lunedì 4 maggio 2020

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.