Call of Duty Warzone e il Gulag, come potrebbe essere migliorato?

L'ultima occasione, all'interno del Battle Royale, passa per il Gulag, un sistema che di certo potrebbe ricevere migliorie

Di mesi dal suo lancio ne sono ormai passati quasi due, e Call of Duty Warzone ha sicuramente ottimizzato al meglio i tempi a sua disposizione. Evitiamo chiaramente di focalizzarci sulle problematiche dello scorso fine settimana. Un inciampo che può starci, soprattutto se bisogna reggere una community che in poco tempo ha inglobato tra le proprie fila ben sessanta milioni di utenti. L’importante chiaramente è che non si tratti di situazione che si ripete nel tempo.

Quanto di buono è stato fatto in Call of Duty Warzone è sostanzialmente sotto gli occhi di tutti. E l’ultimo tassello di ieri è soltanto una piccolissima porzione di un quadro dalle proporzioni assai generose. C’è però sempre la possibilità di fare meglio, e questo il team di sviluppo lo sa bene. Ma quale sarebbe l’aspetto che necessiterebbe di una ricalibrazione al più presto?

Call of Duty Warzone, in vacanza nel Gulag

Una volta passati a miglior vita, nel Battle Royale di Activision, si finisce all’interno di un’arena chiamata Gulag. È una sorta di Last Chance in cui, in un sanguinario 1 vs 1, ci si gioca la possibilità di essere rischierati sulla mappa di gioco. Come presagisce il nome stesso della location, è un po’ una roulette russa. Qui infatti gli utenti vengono rischierati in una minimappa che spinge al confronto immediato, per un conflitto della durata di pochissimi secondi. Per portare a termine il proprio compito, a disposizione si ha un’arma randomicamente scelta dal sistema di gioco. Perché dunque non permettere ai giocatori di avere un’arma predefinita, senza perk o aggiunte varie, per consentirgli di giocarsi al meglio le proprie possibilità?

Di certo una variazione del genere non comporterebbe sacrifici eccessivi per gli addetti ai lavori. Certo, si fa esclusione di RPG e armi dal potenziale distruttivo simile. Ammesse quindi tutte le altre, dalle LMG agli shotgun, passando per le mitragliette e i fucili da cecchino. La differenza, a questo punto, la farà l’abilità e la mira di ogni utente.

Un modo senz’altro efficace per non far sentire i giocatori in balia degli eventi in Call of Duty Warzone.

Fonte

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.