Videochiamate Zoom più sicure dal 9 maggio? Tutti gli aggiornamenti in arrivo

Tanti cambiamenti in procinto di essere lanciati proprio con la il servizio molto chiacchierato

5
CONDIVISIONI

Le videochiamate Zoom di gruppo o meglio le videoconferenze possibili con l’ormai noto software saranno più sicure che mai dal prossimo 9 maggio? Dopo le tante analisi sulla piattaforma, le accuse pure dei rapporti con la Cina per il servizio, nei prossimi giorni è previsto un corposo aggiornamento che dovrebbe segnare una vera e propria svolta per quanto riguarda l’esperienza d’uso degli utenti.

Perché le videoamatrice Zoom di gruppo si apprestano ad essere più sicure a partire dal 9 maggio? I miglioramenti di tutta la piattaforma sono stati appena annunciati ufficiamene e riguarderanno tutti gli user, anche quelli che hanno a che fare solo con la versione basic (non a pagamento) della piattaforma. Il primo punto di forza del nuovo update sarà, ad esempio, la password obbligatoria per l’accesso a tutte le nuove riunioni e anche a quelle precedentemente programmate. Nel caso delle riunioni virtuali di lavoro ancora, l’utilizzo della funzione di sala d’attesa sarà inglobata nella piattaforma come impostazione predefinita

Altre modifiche in arrivo: l’host ovvero l’amministratore sarà l’unico ad avere il privilegio di condividere uno schermo, anche in questo caso come impostazione predefinita a livello software. Eventuali abusi del servizio, dunque, non dovrebbero essere possibili (il condizionale è d’obbligo).

Con gli accorgimenti messi in evidenza per l’aggiornamento del 9 maggio, le videochiamate Zoom si apprestano ad essere un posto finalmente sicuro e al riparo dal fenomeno del cosiddetto Zoombombing, ossia l’attacco massivo di hacker proprio alla piattaforma durante riunioni virtuali di ogni genere? Di certo le misure in campo per la privacy degli utilizzatori del servizio dovrebbero migliorare le cose ma i reali effetti in positivo del lavoro degli sviluppatori dovranno essere testati su strada. Zoom, nonostante il suo grande successo delle ultime settimane, deve vedersela necessariamente con il recupero di piattaforme concorrenti come Meet Google e per questo deve puntare tutto sulla sicurezza.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.