Rapporti di Zoom con la Cina negati dal CEO Yuan, videoconferenze sicure

Discussione aperta ma interviene il CEO chiarendo più di qualche aspetto

3
CONDIVISIONI

Sui rapporti tra il software Zoom e la Cina si è detto tanto nelle ultime settimane. Nonostante la crescita esponenziale di utenti che utilizzano oramai da tempo la piattaforma di videoconferenze, tanti temono che la sicurezza non sia garantita a sufficienza proprio dal servizio. Sulla questione cruciale è intervento il CEO dell’azienda Eric Yuan, non usando mezzi termini ma sostenendo a spada tratta la qualità del suo prodotto software (come poteva essere altrimenti d’altronde).

Eric Yuan dunque ha risposto direttamente alla domanda segunete: Zoom ha qualche rapporto con la Cina? Il dubbio legittimo era venuto fuori nel corso del mese di aprile dopo che era stato certificato che i dati delle videoconferenze (in parte) passavano anche su server cinesi. In quel caso l’azienda era poi corsa ai ripari con interventi tecnici che impedivano appunto il passaggio in Cina dei preziosi dati degli utenti di tutto il mondo.

Più in generale poi Yuan ha chiarito la questione delle sue origini cinesi. In particolar modo il CEO afferma di vivere in pianta stabile Negli Sttai Uniti ormai dal lontano 1997 e di essere pure cittadino americano dal 2007. Ancora, lo spirito globale della società non viene messo in discussione. Gli uffici della multinazionale sono appunto 21 in tutto il mondo: questi sono dislocati in Australi, in Giappone, in Europa. Per quanto riguarda poi i data center, sempre Yuan afferma che solo uno è presente in Cina e tra l’altro è gestito da una società australiana. Ultima rassicurazione fornita sempre in riferimento al centro dati asiatico: questo (in questo momento) processa le videoconferenze interne alla Cina appunto e non quelli del resto del mondo.

Insomma, tutte le accuse di rapporti di Zoom con la Cina vengono restituite al mittente. I prossimi obiettivi prefissati riguarderanno sempre la questione sicurezza, per garantire agli utenti la migliore privacy possibile sempre e comunque.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.