In pole position 28 Xiaomi con MIUI 12 in Italia: la ROM sbarca in Europa

Alcuni dettagli importanti su una ROM destinata a fare la differenza anche in Italia e nel resto d'Europa

Xiaomi

Ci sono i primi segnali concreti che dobbiamo prendere in considerazione in queste ore per quanto riguarda il mondo Xiaomi, in riferimento a coloro che intendono scaricare da subito l’aggiornamento con MIUI 12. Siamo ancora in fase beta, è opportuno premetterlo, ma oggi grazie al team Xiaomi.eu abbiamo finalmente dei segnali concreti anche per l’Europa, con cui possiamo dare continuità a quanto abbiamo riscontrato la scorsa settimana con un altro articolo da noi pubblicato.

Lista di 28 Xiaomi con ROM europea su MIUI 12

La ROM trapelata oggi 4 maggio per 28 smartphone Xiaomi, fondamentalmente, è uguale alla beta originale rilasciata in lingua inglese e cinese, con l’estensione del caso per il supporto multilingua. In questo modo, dunque, si dà un bel contributo ad esempio ai possessori di uno Xiaomi Mi 6, Mi 6X, Mi 8, Mi 8 Explorer Edition, Mi 8 Lite, Mi 8 Pro, Mi 8 SE, Mi 9, Mi 9 Pro 5G, Mi 9 SE, Mi 10, Mi 10 Pro, Mi CC9e, Mi CC9/Mi 9 Lite, Mi Max 3, Mi Mix 2, Mi Mix 2S, Mi Mix 3, Mi Note 3, fino ad arrivare a Xiaomi Mi Note 10/CC9 Pro. A completare il quadro con questo brand abbiamo poi Xiaomi Redmi Note 5 CN/5 Pro (Dual Cam).

Occhio anche alla famiglia Redmi. Per quanto più economica, infatti, c’è una discreta rappresentanza di modelli che potranno provare subito MIUI 12. Il report di questo lunedì ci parla di Redmi K20/Xiaomi Mi 9T, Redmi K20 Pro/Xiaomi Mi T Pro/Premium Edition, K30, Redmi K30 5G, Note 7, Note 7 Pro e Redmi Note 8. Se disponete delle giuste conoscenze per approcciare questo mondo, non dovete far altro che accedere all’apposito post.

Nei prossimi giorni ne sapremo di più a proposito dell’effetto reale che l’aggiornamento in questione avrà sui vari Xiaomi e Redmi, al di là del fatto che si tratti di un pacchetto software al momento disponibile solo in fase beta.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.