Il finale de I Topi 2 su Rai 3 sabato 2 maggio: anticipazioni e terza stagione

La serie che lo stesso Albanese definisce "un gioiellino" è pronta a concludersi; il successo della stagione spingerà la Rai al rinnovo?

9
CONDIVISIONI
[RAI]

La breve ma intensa avventura de I Topi 2 è pronta a concludersi. Gli ultimi due episodi della stagione – già disponibile per intero su RaiPlay – sono attesi su Rai 3 a partire dalle 22:00 di sabato 2 maggio.

Ne I Topi 2×05 – Una Nuova Famiglia – l’attenzione generale è rivolta all’imminente matrimonio di Carmen e Ludovico. Come da prassi, la prima cosa da fare è conoscere la famiglia dello sposo. Il primo incontro fra i futuri consuoceri fa emergere però degli evidenti contrasti: gli aristocratici Laterza sono infatti colti e raffinati, e hanno una visione sull’evento totalmente opposta a quella dei Parrini. A un certo punto, Sebastiano si sente male e si profila per lui un ricovero d’urgenza presso la più famosa clinica sotterranea.

I Topi 2×06 – Il Matrimonio – si apre invece nel rifugio di Sebastiano, in cui si sta svolgendo il rito di affiliazione di U Stuorto alla famiglia. In casa Parrini, intanto, fervono i preparativi per il matrimonio. Nel fatidico giorno è proprio U Stuorto ad accompagnare Carmen all’altare. Gli invitati sono già tutti commossi, Sebastiano e lo zio seguono la cerimonia dal loro rifugio, e poi all’improvviso…

Succeda quel che succeda da quel momento in poi, la corsa de I Topi 2 su Rai 3 può considerarsi un vero successo. Come già la prima stagione, anche i nuovi episodi sono riusciti a dar corpo in modo esilarante all’idea di fondo di Antonio Albanese. Fin dal primo istante, infatti, il suo obiettivo è stato parlare di legalità in modo diverso, raccontando e prendendo in giro l’ignoranza che è alla base della criminalità, senza pistole e morti, che quello lo fanno già in tanti.

È nella stessa ragion d’essere della serie che si trova l’unicità de I Topi, un progetto che Albanese ha creato, scritto, diretto e interpretato e che ama definire il mio gioiellino. Prendere in giro i criminali, ridicolizzarne le pratiche e gli stili di vita diventa così per lui il mezzo di neutralizzarne il fascino, l’antidoto da somministrare perché nessuno desideri identificarsi con loro.

A finire sotto la lente ironica de I Topi non sono soltanto la vita in latitanza e le rappresentazioni più stereotipiche della mafia in televisione. Come ha sottolineato in un’intervista all’Adnkronos la direttrice di Rai Fiction, Eleonora Andreatta, è stato proprio il pubblico a mostrare di apprezzare l’idea di rovesciare la prospettiva sulla mafia, scardinarne certi cliché e sprofondarla in un sottomondo dove i criminali vivono segregati, prigionieri delle loro paure e della loro ignoranza, condannati a mettere in scena la caricatura di sé stessi.

Nel microcosmo recluso e asfittico che popolano, i personaggi de I Topi diventano gli strumenti per mezzo dei quali ridicolizzare determinate convinzioni sulla vita, la società e i suoi assetti. Basti pensare alla rigidità della struttura familiare evidente già nella prima stagione, oppure allo scontro con la sessualità non eterosessuale nel primo episodio de I Topi 2, che Albanese definisce il contributo della serie contro l’omofobia.

L’entusiasmo e il divertimento che I Topi 2 ha saputo scatenare nel pubblico sono stati i sentimenti prevalenti anche in fase di produzione. La serie – è evidente – è promossa a pieni voti. Ci si può quindi aspettare il rinnovo per una terza stagione?

La pausa che il Coronavirus ha imposto a qualsiasi attività, comprese le riprese sui set cinematografici e televisivi, impone prudenza. Non possiamo non essere preoccupati, ma come lo sono tanti altri settori, ha commentato Albanese all’Adnkronos. Sono molto fiducioso e ottimista sul fatto che, appena si potrà, ci sarà una voglia di ripartire con più gioia e entusiasmo.

In attesa di capire se le sue parole si riveleranno profetiche, attendiamo l’ultimo appuntamento con I Topi 2, in onda su Rai 3 dalle 22:00 del 2 maggio.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.