Passo decisivo verso EMUI 10.1 per Huawei P30 e P30 Pro: ultima beta

Rilasciata in Cina sui Huawei P30 probabilmente l'ultima beta di EMUI 10.1 prima della versione finale

22
CONDIVISIONI

La giornata del 30 aprile è anche all’insegna di un importante aggiornamento destinato ai Huawei P30 e P30 Pro, che ha ricevuto una nuova beta dell’interfaccia EMUI 10.1, anche se per il momento destinata ai soli esemplari cinesi. Come riportato da ‘Huawei Central‘, gli ex top di gamma si sono messi in fila per ricevere l’aggiornamento stabile, anche se quel momento non sembra ancora essere completamente arrivato. L’ultimo passaggio è rappresentato proprio da questa beta EMUI 10.1.0.135, che si è occupata di introdurre una serie di importanti modifiche.

Innanzitutto parliamo dello split-screen, che, attraverso la side-bar, consente di trascinare le applicazioni che si intendono aprire in multi-window (anche immagini, testo e file da un’app all’altra), come pure del 3D Always On Display (è stato inserito un nuovo orologio Kingfisher Micro-Stereoscopic nell’AOD per creare un effetto tridimensionale). La Dark Mode adesso supporta molte più applicazioni terze ed il multi-device control panel permette di avere il controllo di dispositivi IoT, trasferire la schermata del dispositivo o collaborazioni multi-screen.

Come potete vedere, sembrerebbe una beta priva di significato, ed invece ha veicolato funzioni più che utili a bordo dei Huawei P30 e P30 Pro. Se i Huawei Mate 30 sono già pronti a ricevere la versione stabile di EMUI 10.1, per i Huawei P30 c’è stato bisogno di quest’ultimo passaggio intermedio, che a conti fatti cambia ben poco ai suoi proprietari. L’importante è che sia assicurato un firmware ben ottimizzato a quello che è ancora oggi considerato tra i migliori smartphone in circolazione (poco importa che non sia più il portabandiera in carica visto che dalla sua vanta un hardware di tutto rispetto, corredato peraltro dai servizi Google, che sappiamo mancare sui Huawei P40 per le ragioni che ormai bene conosciamo). Se avete domanda da farci il box dei commenti in basso è a vostra disposizione.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Commenti (6):
Clark

Cioè, cosa intendi dire?

Chi ha scritto l’articolo (è faccio i complimenti a Nadia Napolitano), riporta una notizia che al momento non riguarda il nostro mercato, quindi come potrebbe rispondere alla tua domanda?

Poi usando un pò di logica, se è ancora in beta in Cina, come si può fare una previsione di rilascio in Italia se ancora non hanno certezza di un funzionamento completo e privo di bug?
Dovranno prima rilasciare la stabile in Cina, poi dopo qualche tempo se tutto andrà bene, si comincerà il rollout per il resto del mondo, e allora si potrà fare una previsione, ma fino ad allora non succederà!

Ma tutta questa fretta perché? Il tuo p30 non funziona? Oppure è solo per avere l’ultimo aggiornamento a prescindere?
Non è meglio aspettare un pochino di più, ed avere un firmware prestante è privo di bug?

    Clark

    Aspetta fino a dopo il 15 maggio perché verrà presentato il P30 new generation, ancora non si sa da cosa verrà diversificato rispetto al p30 attuale (credo solo un incremento di ram e memoria), ma potrebbe portare un ulteriore calo dei prezzi degli attuali p30 😉

gennispo

Si tutto bello quello che raccontate ma concretamente quando arriva questo benedetto aggiornamento …..

edison89

Vorrei sapere, a chi magari l’ha provato, se l’EMUI 10.1 elimina i servizi Google oppure rimangono lì dove sono? Possiedo un Huawei P30 e non vorrei perdere questo “vantaggio”.

Grazie.

    Clark

    Ma come puoi pensare una cosa del genere?

    Punto uno, nessuno qui ha potuto provare la 10.1,basta leggere con un pò (ma un pò) di attenzione l’articolo per capire che il suddetto aggiornamento è uscito solo in Cina…

    Punto due, tutti i telefoni certificati da Google prima del ban dello psicopatico Trump, non possono essere per nessun motivo privati dei servizi Google, in nessun caso!

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.