Hayastane è il nuovo singolo di Serj Tankian dei System Of A Down, scritto dal premier armeno Nikol Pashinyan (video e traduzione)

Serj Tankian ritorna con un nuovo singolo in lingua armena per il suo popolo. I proventi saranno devoluti alla My Step Foundation

27
CONDIVISIONI

Nel nuovo singolo di Serj Tankian c’è tutta l’epica di un frontman che ha sempre fatto della passione politica e sociale la sua fonte di ispirazione in tutta la carriera dei System Of A Down. Non una semplice band metal, non una realtà da capelli sudati e ondeggianti durante i festival: i SOAD sono sempre i portavoce di un popolo che ancora soffre il dramma del genocidio avvenuto tra il 1915 e il 1916 per mano dell’impero ottomano.

Serj Tankian ha dato voce, a questo giro, a un testo scritto dal Primo Ministro armeno Nikol Pashinyan in occasione della commemorazione di quel tragico capitolo della storia degli armeni. Il risultato è Hayastane, una ballata acustica piena di sentimento e sofferenza ma anche gravida di speranza, elementi che la voce vigorosa di Serj Tankian sottolinea in ogni battuta e ogni nota.

“Durante questi tempi difficili di pandemia e lockdown volevamo dare al popolo dell’Armenia un dono di speranza che essi stessi potessero condividere con il mondo. L’obiettivo era quello di scrivere una canzone che rappresentasse una celebrazione vittoriosa dello spirito armeno, che riguardasse il passato, il presente e il futuro della nostra nazione”.

Non una semplice canzone celebrativa: i proventi delle vendite del nuovo singolo di Serj Tankian saranno destinati all’associazione My Step Foundation che da sempre opera nel territorio con iniziative per la sanità pubblica, il sociale, la cultura, l’educazione e anche con opere che interessano la pandemia del Coronavirus.

In questo particolare periodo storico, inoltre, la My Step Foundation sta provvedendo alla fornitura di dispositivi di sicurezza (mascherine, guanti, divise) e al recupero di computer, tablet e altri device per tutti gli studenti che dovranno svolgere le proprie attività didattiche a distanza.

Per questo nuovo brano Serj Tankian ha accettato di cantare su un testo scritto da Nikol Pashinyan insieme al musicista Kamo Seyranyan. Serj Tankian, infatti, è nato in Libano da genitori armeni ma nonostante il suo trasferimento a Los Angeles guarda sempre alle sue origini con tutto il rispetto e l’amore che ognuno dovrebbe avere per le proprie radici.

Harakiri
  • Harakiri
  • Tankian, serj

Con i suoi System Of A Down ha più volte cantato brani sentimentalmente orientati al popolo armeno come accade in P.L.U.C.K., traccia che chiude il disco d’esordio System Of A Down (1998) e in Holy Mountains dall’ultimo disco in studio registrato dalla band, Hypnotize (2005).

Proprio per creare una linea diretta con il suo popolo d’origine, nel nuovo singolo di Serj Tankian il cantautore fraseggia in lingua armena e nel video ufficiale, diretto da Armen Soudjian, vediamo immagini di Tankian intento a cantare e suonare alternate con paesaggi mozzafiato e autoctoni immortalati nella vita quotidiana, oltre ad immagini di repertorio.

Nel frattempo ci si chiede ancora se i System Of A Down torneranno in studio. Mentre il bassista Shavo Odadjian riferiva che la band aveva sufficiente materiale per parlare di un nuovo disco, Serj Tankian negava tale possibilità e liquidava il discorso con un lapidario: “Ci abbiamo provato”.

Di seguito il testo, la traduzione e il video ufficiale di Hayastane, il nuovo singolo di Serj Tankian.

Hayastane – Testo in inglese tradotto dall’armeno

“Armenia is a country where the roads get lost
Friends gather together around a khorovats fire
Armenia is a country where the Autumn is serene and warm
And pure wines shine in grapes
Armenia is a land of fruits, a garden of apricots
A cellar full of dry lavash, a ringing thump of an anvil

Aragats, Grigor, Ararat and Sevan
Anahit, Naira, Zaruhi and Shushan
Hayasa, Urartu, Shubria, Armenia
Aratta, Nairi, Greater Hayq and Kilikia

Armenia is yarkhushta, kochari, horovel
Zurna-dhol, tar and duduk, seas lost in the past
Armenia is an identity, a glowing paternal home
Which you long for when you’re defeated or when you’re a victorious hero
Armenia is a people, a noisy family
A sister’s marriage, a brother’s tear, an unquenchable maternal longing

Armenia is Tumanyan, Tamanyan, Komitas
Aram Manukyan, Saryan, Hambardzumyan, Minas
Armenia is Tigran the Great, Saint Mashtots and Narek
King Pap, Dzenov Ohan, Khorenatsi, David Bek

Aragats, Grigor, Ararat and Sevan
Anahit, Naira, Zaruhi and Shushan
Hayasa, Urartu, Shubria, Armenia
Aratta, Nairi, Greater Hayq and Kilikia

Armenia is Noravank, Gandzasar, Akhtamar
Fidayi martyrs that fell for the sake of the Country
Armenia is Yerevan, Artashat, Dvin, Ani
Armenia is a history that has no beginning, no end”.

Traduzione

“L’Armenia è un Paese dove le strade si disperdono,
gli amici si riuniscono attorno a un fuoco khorovats.
L’Armenia è un Paese in cui l’autunno è sereno e mite
e le viti splendono di vino puro.
L’Armenia è una terra di frutti, un giardino di albicocche,
una cantina piena di lavash secco, un tonfo sordo di un’incudine.

Aragats, Grigor, Ararat e Sevan
Anahit, Naira, Zaruhi e Shushan
Hayasa, Urartu, Shubria, Armenia
Aratta, Nairi, Grande Hayq e Kilikia.

L’Armenia è yarkhushta, kochari, horovel,
Zurna-dhol, tar e duduk, mari che si perdono nel passato.
L’Armenia è un’identità, una casa paterna luminosa
che brami quando sei sconfitto o quando sei un eroe vittorioso.
L’Armenia è un popolo, una famiglia rumorosa,
il matrimonio di una sorella,
la lacrima di un fratello, un desiderio materno inestinguibile.

L’Armenia è Tumanyan, Tamanyan, Komitas,
Aram Manukyan, Saryan, Hambardzumyan, Minas.
L’Armenia è Tigran il Grande, i santi Mashtots e Narek
Re Pap, Dzenov Ohan, Khorenatsi, David Bek.

Aragats, Grigor, Ararat e Sevan
Anahit, Naira, Zaruhi e Shushan
Hayasa, Urartu, Shubria, Armenia
Aratta, Nairi, Grande Hayq e Kilikia.

L’Armenia è Noravank, Gandzasar, Akhtamar,
i martiri Fidayi che caddero per il bene del paese.
L’Armenia è Yerevan, Artashat, Dvin, Ani.
L’Armenia è una storia che non ha inizio né fine”.

Di seguito il video ufficiale di Hayastane, il nuovo singolo di Serj Tankian.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.