Ufficiale il destino di Richard Webber in Grey’s Anatomy, raccontato dall’attore James Pickens Jr.

Cosa accadrà a Richard Webber in Grey's Anatomy? L'attore James Pickens Jr. racconta cosa ne sarà del suo personaggio

496
CONDIVISIONI

Tra i personaggi per cui il pubblico ha temuto in questa stagione c’è certamente l’ex grande capo dell’ospedale: il destino di Richard Webber in Grey’s Anatomy è parso a rischio fino all’ultimo episodio di questo capitolo del medical drama, interrotto a quota 21 anziché 25 episodi a causa della pandemia di Coronavirus.

La trama che ha introdotto una serie di malori per Richard è entrata nel vivo con l’episodio 19 di Grey’s Anatomy 16, in onda lunedì 27 aprile su FoxLife alle 22:00, dopo il decimo episodio della terza stagione di Station 19.

Dopo aver mostrato tremori sospetti nei precedenti episodi, nel diciannovesimo episodio Richard sale sul palco di una conferenza a Los Angeles e finisce per avere un malore di fronte alla platea. Ma da cosa dipendono le sue apparenti disfunzioni cognitive? Negli episodi successivi è proprio la difficile ricerca di una diagnosi ad occupare i medici del Grey Sloan Memorial Hospital.

ATTENZIONE SPOILER!

Nell’ultimo episodio di stagione, il finale forzato di Grey’s Anatomy 16 per via dell’interruzione delle riprese per l’emergenza Coronavirus, DeLuca ha scoperto la causa dei malori di Webber con un’intuizione: l’ex capo è affetto da un’infezione da cobalto, rilasciato da una protesi all’anca installata anni prima e ormai deterioratasi nel suo corpo. L’operazione chirurgica riesce a salvare Richard e soprattutto ad eliminare il sospetto fondato che si fosse ammalato di Alzheimer come le sue defunte compagne, la moglie Adele e l’amante Ellis.

La showrunner Krista Vernoff ha confermato che l’esito positivo dell’operazione ha messo definitivamente al riparo il personaggio dalla morte, dunque un’uscita di scena di James Pickens Jr. non è prevista. Sarebbe stato il secondo grande addio di un volto storico in questa stagione, dopo quello di Justin Chambers che ha lasciato il cast a novembre costringendo gli sceneggiatori a trovare un modo per salutare il personaggio di Alex Karev senza nemmeno avere l’attore in scena.

Parlando ad Entertainment Tonight, Pickens Jr. ha ammesso di aver temuto per la sorte del suo personaggio dopo aver letto per la prima volta la trama relativa ai suoi problemi di salute. Tutto sembrava presagire alla morte di Richard Webber in Grey’s Anatomy, ma ben presto l’attore è stato rassicurato dalla showrunner: dopo aver superato indenne diversi incidenti e problemi di salute nel corso delle stagioni, anche stavolta Richard sarà salvo.

All’inizio della stagione, mi sono seduto con lei e gli altri scrittori, e hanno lanciato l’idea che avevano su Richard e le sue condizioni mediche. In 16 stagioni, ho avuto un aneurisma cerebrale, sono stato fulminato… Sono il dottore con nove vite qui. Hanno lanciato questa idea sull’avvelenamento da cobalto. Ho detto: ‘Oh, è davvero interessante’. Non sapevo nulla di questa condizione e da quello che capisco, è comune con questo particolare tipo di metallo. Un retropensiero mi ha spinto a dire: ‘È questo? Questa è la fine…’, o qualcosa del genere. Ma mi hanno assicurato, ‘Andrà a finire bene, ma pensiamo sarebbe una grande trama.

La guarigione porterà il personaggio di Richard Webber in Grey’s Anatomy ad avere un nuovo slancio, secondo Pickens Jr. L’attore pensa che Webber potrà trarre ispirazione per un cambiamento dopo la malattia e trovare nuovi modi per reinventarsi come insegnante, perché d’altronde la sua vocazione è quella di fare da mentore a specializzandi e medici aiutandoli a scoprire il loro talento e ad affinare le tecniche chirurgiche, ma più in generale a diventare dei buoni medici.

Penso che questo potrebbe ri-energizzarlo, potrebbe voler utilizzare tutte le sue esperienze e abilità in un altro tipo di ruolo all’interno dell’ospedale. Gli resta molto da offrire in termini di insegnamento ai giovani medici. Ecco dove lo porta il cuore – essere un mentore e un insegnante. Non so come andrà a finire, ma è così che penso che dovrebbe andare in prospettiva. Ma non sai mai quali belle storie escogitano i nostri scrittori.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.