Brutte notizie per Huawei P20 e P20 Pro: stop alle patch mensili da adesso

Proviamo ad ipotizzare gli scenari a medio termine per questa famiglia, secondo quanto raccolto oggi 27 aprile

30
CONDIVISIONI
Huawei P20

Non sono propriamente incoraggianti le notizie emerse oggi 27 aprile per i tanti utenti che anche qui in Italia sono ancora in possesso di un Huawei P20 o un P20 Pro, almeno per quanto riguarda il loro sviluppo software. Dopo i segnali arrivati dalla Cina pochi giorni fa, in merito alle prossime mosse che potremo sfruttare a proposito di EMUI 10, questo lunedì bisogna analizzare il futuro a medio termine per lo smartphone, soprattutto in ottica estate stando ai quesiti che ci sono in rete.

I prossimi aggiornamenti per Huawei P20 e P20 Pro

Secondo quanto riportato da Huawei Central, ci sono cambiamenti in vista per Huawei P20 e P20 Pro. I due smartphone Android, infatti, fino a questo momento sono stati collocati elencati nella sezione della patch di sicurezza mensili. Tuttavia, questi dispositivi sono stati eliminati dal loro gruppo abituale, a testimonianza del fatto che gli aggiornamenti mensili a questo punto non siano più garanti. Ci sono però altri aspetti da prendere in considerazione, almeno per i primi mesi.

Poiché gli utenti che dispongono di un Huawei P20 e P20 Pro ancora non hanno ricevuto l’aggiornamento con EMUI 10 in attesa, questi dispositivi potrebbero ricevere più aggiornamenti nei prossimi mesi. Quelli che vengono definiti di “assestamento” dopo un upgrade importante. Insomma, è probabile che la mossa descritta oggi possa avere degli effetti diretti sui dispositivi lanciati sul mercato nel corso del 2018 solo in autunno.

Insomma, ci aspettano mesi particolarmente intensi per la serie Huawei P20, indipendentemente da quanto è trapelato in queste ore. Fate molta attenzione soprattutto all’impatto che avrà l’aggiornamento con EMUI 10 nei prossimi giorni, visto che ormai i tempi sono maturi per fare questo step tanto atteso dal pubblico. Che idea vi siete fatti sullo sviluppo software di questi smartphone? Fatecelo sapere.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Commenti (10):
Roberto

Nemmeno ho ancora ricevuto il 10…gran bel telefono il p20 pro, dá utente solo iphone ero passato a p9 plus sempre huawei ma è arrivato il momento di cambiare brand

lorislom

Non capisco proprio che tipo di politica commerciale adotti HUAWEI. Ok, Huawei è talmente grande e potente da far sì che possa fregarsene di quanto pensi un cliente con in mano un P20 pro, insoddisfatto per gli aggiornamenti e/o per gli abbandoni. Il P20 20 pro è un gran telefono, non posso fare neanche la critica più piccola e non capisco perchè il mese prossimo sarà già meno attuale di uno smartphone Samsung anche entry level.

Cloudseth

Ho un P20 pro e sono molto deluso..Poi ci si chiede perchè le persone passado ad iOS…lo paghi di più ma le differenze le stravedi!!!
L’altro giorno ho acceso dopo un per pò il mio iPhone 6s del 2014 che uso per la musica in viaggio e ha ricevuto l’ultima versione di iOS…
-2014
-dual core 1.8 ghz
-2 gb ram.

E il p20 pro con 6 gb ram , octacore a 2.4 dopo due anni addio?
Non ci stò…

Dax

Vabbè io ho un p20 pro e mi trovo bene ma se huawei prevede di abbandonare un cliente che ha speso più di 700 euri vorrà dire che cambierò smartphone e naturalmente anche brand…

Simo72

In generale è triste pensare che un telefono pagato non poco come il p20 pro dopo 2 anni sia considerato vecchio e si smetta di aggiornarlo. Forse dovremmo renderci conto che questo tipo di atteggiamento, se non si inverte la tendenza, non porterà a nulla di buono. Ci si riempie la bocca con parole come ecosostenibilità ma nei fatti in tutti i settori le multinazionali ci spingono verso il consumismo più sfrenato.

Richi

Perché sul p20 lite non aggiornate il software ciò è voglio dire vorrei anche io il nuovo Android 10 😢

Isabella179901

Ciao! Non ho capito, Huawei p20 non riceverà più l’aggiornamento di Emui 10? A me non è ancora arrivato.. Grazie!! 😊

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.