Coronavirus. Si ricomincia a correre con la mascherina

L’Italia si rimette in movimento. Per l’attività motoria sarà indispensabile indossare la mascherina, rispettare il distanziamento sociale, restare nei pressi della propria abitazione

385
CONDIVISIONI
Attività motoria solo con mascherina

La mascherina diventa un accessorio sportivo indispensabile al tempo del Coronavirus. Il Governo Nazionale sta preparando la road map per la Fase 2. Nel momento in cui il Coronavirus retrocede al Sud ma infesta ancora pesantemente alcune regioni del Nord Italia, si comincia a programmare la ripartenza.

Sarà un percorso durissimo, irto di ostacoli e difficoltà quello che vedrà tutti noi convivere con il Coronavirus e con la mascherina come capo d’abbigliamento indispensabile per la vita sociale. Il Governo nazionale, le Regioni ed i Comuni dovranno trovare un difficile punto di compromesso tra il bene primario della salute personale e collettiva, l’economia del Paese messa in ginocchio da due mesi di lockdown, il ritorno della popolazione alla normalità di vita.

Sarà una fase nella quale tutti saremo chiamati ad altri gravosi ma indispensabili sacrifici, bisognerà esser ancora più scrupolosi nel rispetto delle prescrizioni  come quella della mascherina a tutela della salute nostra e del prossimo onde scongiurare una recrudescenza del Coronavirus. Si procederà a macchia di leopardo in considerazione della diffusione del contagio ma alcuni parametri per le prossime giornate sono stati definiti come in Campania una delle più popolose d’Italia.

A Napoli e su tutto il territorio è stata autorizzata l’attività motoria individuale. Per impedire però occasioni di contagio da Coronavirus tale attività motoria potrà svolgersi tra le 6.30 e le 8.30 e le ore 19.00 e le 22.00 per scongiurare assembramenti con coloro che escono di casa per andare a lavoro o fare la spesa di alimenti e farmaci. Sarà necessario restare a distanza di due metri l’uno dall’altro e nei pressi della propria abitazione.

Ma soprattutto si dovrà indossare la mascherina per impedire che goccioline di saliva possano diffondere il Coronavirus. Un obbligo che consente di riprendere a fare attività motoria individuale  all’aria aperta dopo settimane di inattività. Un piccolo ma importante passo in avanti. Il primo di tanti passi che gli sportivi , come tutti , dovranno compiere per sconfiggere questo flagello. Ma dalla forza degli sportivi potrà giungere una spinta decisiva per vincere la battaglia mettendosi alle spalle anche lagne e polemiche inutili sulle costrizioni dolorose ma indispensabili.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.