Via ufficiale alle videochiamate WhatsApp fino a 8 persone e alle Messenger Rooms in Italia

Gli ultimi annunci ufficiali per l'implementazione di funzioni attese e molto utili

45
CONDIVISIONI

Grandissime novità con le videochiamate WhatsApp fino a 8 persone ma anche con le Messenger Rooms di Facebook, globalmente e anche in Italia. Nelle scorse ore, Mark Zuckerberg ha elencato una serie di novità previste proprio per i suoi prodotti di punta chiarendo quali sono le funzionalità ora messe a disposizione per facilitare i contatti a distanza, ancora in periodo di lock down Covid-19 per tutti.

Le videochiamate WhatsApp fino a 8 persone hanno già fatto capolino nell’app di messaggistica, almeno nella sua versione beta Android. Ora proprio Zuckerberg ha annunciato che il rilascio definitivo della funzione è in corso per tutti, sia su iPhone che per dispositivi Android. L’aggiornamento cruciale sarà disponibile attraverso gli store iTunes e Google nel giro di pochissimo tempo e dunque le riunioni e gli incontri collettivi saranno presto più affollati.

Fino a questo momento, lo ricordiamo, il limite delle videochiamate WhatsApp è stato quello di 4 partecipanti. Al contrario, fin da subito, il numero di invitati ad una qualsiasi sessione telefonica sarà raddoppiato. La novità era di certo la più attesa per tutti coloro che da settimane, in particolar modo per l’emergenza Covid-19, utilizzano l’app di messaggistica.

Oltre che per WhatsApp, le novità non mancano pure per Facebook Messenger. Le nuove Messenger Rooms sono pronte a sbarcare ovunque nel mondo e a dire la verità anche in Italia sta cominciando l’implementazione della funzione per tutti.

Come funzionano proprio le Messenger Rooms? In pratica si tratta di stanze virtuali create da un’amministratore e pronte ad ospitare contatti (anche dei non iscritti a Facebook) sulla base di inviti personali. Le speciali rooms metteranno a disposizione strumenti di condivisione di contenuti, effetti grafici speciali, anche con l’utilizzo dell’AI. L’intento di Zuckerberg è certamente quello di essere pure una valida alternativa alla concorrenza rappresentata da Zoom ad esempio, per incatenare al suo social tutta la sua base clienti: perché no, anche per meeting di lavoro, di studio oltre che per semplice svago e intrattenimento.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.