Video e testo di Una Parola Differente di Alex Britti, un inno alla spontaneità in radio il 24 aprile

Alex Britti sceglie il suo pop canonico per spiegarci quanto siano importanti i gesti spontanei

1
CONDIVISIONI

Una Parola Differente di Alex Britti esce oggi, 24 aprile 2020, in rotazione radiofonica. Dopo l’esperimento trap di Brittish con la collaborazione di Salmo e DJ Gengis, il cantautore e chitarrista romano ritorna con un brano che a questo giro riprende i canoni del suo repertorio.

Non mancano, infatti, i virtuosismi con la chitarra acustica – l’intro è un gustosissimo tapping sulle corde e sui tasti – coniugati con un pop fresco e contaminato da elementi dance, come accade con gli apporti del synth, del pad e delle percussioni elettroniche. A rifinire il tutto interviene un testo semplice ma audace in cui Alex Britti si fa portavoce dell’importanza della spontaneità nei rapporti personali e nelle relazioni.

Un brano sulla spontaneità nei rapporti

Lo spiega lui stesso:

“A volte cerchiamo di fare cose impossibili per stupire la persona che ci piace, parliamo in un modo diverso, esageriamo comportamenti di solito giusti ma che al momento non ci sembrano idonei e lo facciamo solo per far colpo, per sorprendere, invece basta essere se stessi e attendere che cose normali e spontanee facciano il loro corso, uno sguardo, un caffè preso insieme, due chiacchiere normali, insomma credo che la cosa principale sia essere sempre noi stessi e stimolare l’altra/o a fare lo stesso, magari guardarti dormire mentre albeggia vale più di mille sorprese“.

Nel video ufficiale di Una Parola Differente di Alex Britti troviamo il cantautore nel contesto di Instagram: Alex compare nello scrolling dei post e canta la sua canzone ai followers anche per mezzo delle stories. Una scelta, quella del video, che mette in evidenza il filrouge che pone il mondo intero nello stesso contenitore emozionale in questo periodo in cui il Coronavirus ci costringe a restare in casa.

Un tema, quello della pandemia, che non è affatto sfuggito al chitarrista romano di Oggi Sono Io. Su Instagram, infatti, Alex Britti ha tenuto delle lezioni di chitarra per i suoi fan, proprio come ha fatto Brian May dei Queen.

Le sue lezioni di chitarra, inoltre, includono anche un invito a donare per le strutture che combattono l’emergenza COVID-19.

In Nome Dell'Amore Vol.2
  • Audio CD – Audiobook
  • 05/05/2017 (Publication Date) - It.Pop (Publisher)

Il nuovo album

L’ultimo disco in studio di Alex Britti è In Nome Dell’Amore Vol. 2 (2017) e non ci sono notizie, per il momento, sul nuovo album. Più nello specifico Alex Britti non intende pensare ad un nuovo album come ha riferito alla redazione di Leggo in un’intervista:

“Non c’è oggi l’esigenza di uscire subito. Prima i singoli, su Spotify, su YouTube e poi il disco. Voglio fare al contrario. Come negli anni 60″.

La filosofia del “prima i singoli”, del resto è sempre più adottata dagli artisti per rompere un po’ il silenzio tra un disco e l’altro. Soprattutto tale strategia funziona tra gli emergenti, che si presentano al grande pubblico con un singolo prima del lancio dell’album di debutto. Alex Britti è al passo coi tempi, e lo dimostra anche con il video ufficiale della sua nuova canzone.

Una Parola Differente di Alex Britti, come suggerisce il titolo, è quella cosa che ancora nessuno aveva detto, o forse non era ancora stata detta in quel modo.

Una Parola Differente di Alex Britti – Testo

“Volevo dirti una parola differente
ma quelle che magari ti hanno detto già (detto già)
com’è difficile rimanere originali
mentre tutto scorre ad alta velocità (velocità)
come farò ad attirare l’attenzione
fare colpo su di te (si)
mentre corriamo perché piove
ci rifugiamo in un portone
se un amore è solamente un’invenzione come dici tu
allora perché restiamo qui bagnati e non ci stacchiamo più
E non è il buio che ci inghiotte
ma la voglia di restare insieme un’altra notte
spengo un’altra sigaretta
mentre dormi guardo l’alba
che non sembra ma ci aspetta
benedetta

Com’è possibile che in mezzo a tanta gente
ti guardo e tu mi chiedi: “come stai?” (come stai)
Ci rincorriamo troppo spesso nelle storie
ma non parliamo mai
diciamo sempre lascia stare
ci nascondiamo nei “vorrei
andare via, mollare tutto”
ma poi non lo facciamo mai
se inseguire un sogno è così bello
figurati la realtà
allora, dai, stammi vicina adesso
fino a che la pioggia smetterà
E non è il buio che ci inghiotte
ma la voglia di restare insieme un’altra notte
trovo molto divertente
che ti incazzi e poi mi dici:
“scusa, amore non è niente d’importante”

Non è il buio che ci inghiotte
ma la voglia di restare insieme un’altra notte
trovo molto divertente
che ti incazzi e poi mi dici:
“scusa, amore non è niente d’importante”

Volevo dirti una parola differente
ma quelle che magari ti hanno detto già”.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.