Confermato l’arrivo della pubblicità su WhatsApp: le ultime sulla tempistica

Dettagli interessanti su una questione molto delicata. Gli scenari che si stanno configurando in questa fase

6
CONDIVISIONI
WhatsApp

Ci sono ulteriori news da prendere in esame per quanto riguarda WhatsApp e la prospettiva che all’interno dell’app ci possano essere annunci pubblicitari. Dopo le notizie riportate nella giornata di ieri a proposito dei nuovi aggiornamenti previsti per l’app, soprattutto per quanto riguarda il numero di partecipanti alle videochiamate, cerchiamo dunque di valutare al meglio le prospettive per la nota app di messaggistica sul fronte adv. Oggi 24 aprile, infatti, sono arrivati novità in merito.

Rimandato il matrimonio tra WhatsApp e le pubblicità

Lo scorso autunno, il matrimonio tra le pubblicità e WhatsApp sembrava ormai scontato, ma evidentemente qualcosa ha frenato i vertici aziendali. Zuckerberg ha sospeso il progetto per introdurre annunci pubblicitari nella popolare app di messaggistica, in parte perché Facebook voleva evitare di dover fare i conti con una serie di regolamenti che governano questo mondo. In parte, per la percezione che il pubblico possa avere nel momento in cui si troveranno annunci all’interno dell’app.

Ne ha parlato di recente anche il sito The Information, citando fonti interne con soggetti vicini alla questione. Facebook, infatti, ha anche temuto di far arrabbiare gli utenti di WhatsApp. La conclusione alla quale si arriva facilmente in questa fase, è che gli annunci pubblicitari negli Stati di WhatsApp, al momento l’unico fronte sul quale si sta lavorando sotto questo punto di vista in termini di progettazione, restino un’opportunità a lungo termine.

Di sicuro ci sarà una sovrapposizione di dati Facebook e WhatsApp, quando i tempi saranno maturi, al fine di veicolare messaggi targetizzati ed in linea con gli interessi delle persone. Chiaramente, questo potrebbe sollevare obiezioni in termini di privacy. Staremo a vedere come andrà a fine questa storia nel corso delle prossime settimane, stando a quanto emerso in queste settimane. Voi che ne pensate?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.