Twin Peaks 4 è in cantiere? Nei pensieri di David Lynch c’è il relax in quarantena

Le ultime parole di David Lynch su Twin Peaks 4: il cineasta è in quarantena e sta pensando di sviluppare diversi progetti, tra cui la nuova stagione?

32
CONDIVISIONI

È dal 2017 che i fan si pongono la stessa domanda: Twin Peaks 4 ci sarà? Quando Showtime rilasciò la terza stagione, nota più propriamente col nome di revival, il pubblico si ritrovò di nuovo coinvolto nelle atmosfere oniriche di una delle serie tv più influenti di sempre che di recente ha compiuto trent’anni. Per festeggiare l’evento, Kyle MacLachlan, volto dell’agente Cooper, ha lanciato una divertente iniziativa: guardare un episodio di Twin Peaks insieme ai suoi fan. Ovviamente, il tutto si è svolto in modo virtuale.

Da allora sono tante le voci che si sono susseguite su un presunto Twin Peaks 4; rumours che David Lynch, co-creatore insieme a Mark Frost, ha deciso di chiarire una volta per tutte.

In un’intervista concessa all’Hollywood Reporter, il visionario regista ha raccontato il suo periodo di quarantena. Anche lui, come molti di noi e diverse celebrità, stanno rispettando le norme di auto-isolamento in seguito allo sviluppo della pandemia da Covid-19. Lynch ammette di essere in piena fase creativa, un fatto positivo dato che, come ammette, ama l’isolamento. Ma non è come pensiamo: niente film o serie tv, il regista si diverte tra la musica e l’arte, confessando di non essere al lavoro su nessun progetto televisivo, né tanto meno cinematografico. A proposito delle presunte voci su Twin Peaks 4, Lynch risponde così:

Sono tutte voci. Ho uno show chiamato What Did Jack Do? su Netflix. La storia parla di una scimmia. È qualcosa che dovete vedere; vi aiuterà durante la quarantena. Per il resto, sono solo voci che girano. Posso però dirti che non sta succedendo nulla al riguardo. Anche se fosse vero, non ci sarebbe niente in programma.

Il regista, però, non esclude di poter tornare un giorno dietro la macchina da presa. Magari per dirigere una serie tv, che considera il mezzo perfetto per poter raccontare una storia.

Mai dire mai a qualcosa. Amo molto una storia continuativa; la televisione via cavo è arte. Hai totale libertà. Non è proprio bello come al cinema, ma la tv si sta espandendo e migliorando, quindi c’è speranza. E quando hai la possibilità di poter continuare una storia, questa è ciò che chiamo arte.

Dopo due stagioni sulla rete ABC, Twin Peaks venne cancellato nel 1991. L’anno successivo fu prodotto un film che fungeva da prequel all’omicidio di Laura Palmer. Venticinque anni dopo, David Lynch è tornato di nuovo a Twin Peaks per raccontare cos’era successo all’agente Dale Cooper, svelare nuovi misteri, e ovviamente lasciare a noi spettatori l’ultima parola. La terza stagione è andata in onda su Showtime, rete via cavo, mentre in Italia è stata resa disponibile su Sky Atlantic.

Nei programmi futuri di Lynch, in attesa che abbia di nuovo ispirazione, non c’è Twin Peaks 4. Almeno per il momento non resta che mettersi l’anima in pace.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.