Nuova linfa per Honor 9 con patch di marzo 219

Viene segnalata la disponibilità di un nuovo aggiornamento per il noto smartphone Android 2017

4
CONDIVISIONI

Non riceverà mai l’aggiornamento con EMUI 10, ma allo stesso tempo i possessori di un Honor 9 in queste ore possono tirare un sospiro di sollievo, visto che il device commercializzato nel 2017 ancora non è stato abbondato per quanto concerne lo sviluppo software. Non aspettatevi novità rivoluzionare dopo gli ultimi bollettini che abbiamo portato alla vostra attenzione a suo tempo, anche perché il device in questione potrebbe non reggere al meglio grossi sconvolgimenti, ma la questione va esaminata con attenzione.

Cosa cambierà ad aprile per i possessori di un Honor 9

Per farvela breve, come evidenzia il sito Huawei Update i possessori di un Honor 9 in queste ore si apprestano ad ottenere l’ultimo aggiornamento basato su EMUI 9.1. Pacchetto software utile per testare il potenziale la versione software numero 9.1.0.219 (C00E116R1P9), impostata a conti fatti sulla patch di sicurezza di marzo 2020. Il changelog non ci fornisce molti dettagli extra rispetto a quelli appena annunciati.

Le varie sigle, infatti, ci dicono che gli Honor 9 interessati sono i vari STF-AL00, STF-AL10 e STF-TL10, mentre l’upgrade si suddivide tra 9.1.0.210 e 9.1.0.219. Resta il fatto che i vari changelog ci parlino di un aggiornamento pari a 683 MB. Insomma, non è da escludere che una volta portato a termine il download possa emergere qualche funzione extra in grado di fare la differenza. Per questo, dunque, occorre fare molta attenzione.

Da quello che ci risulta, l’aggiornamento è in distribuzione in giro per il mondo, come al solito, via OTA, ma è chiaro che in Italia potrebbe essere necessario attendere ancora qualche giorno prima di fare questo step. A voi è già arrivata la notifica in questione? Fatecelo sapere con un commento qui di seguito per definire al meglio la situazione.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.