Maggio sarà il mese di POCO F2: quel che finora sappiamo

Ecco quel che sappiamo sul POCO F2, dispositivo atteso per il mese di maggio

Torniamo a parlare di POCO F2, dispositivo atteso per il mese di maggio, e presumibilmente identificato con il modello M2004J11G nel database IMEI. Secondo alcune indiscrezioni provenienti da leaker cinesi, il device potrebbe identificarsi come una sorta di versione modificata del Redmi K30 Pro, distribuita a livello internazionale, anche se priva del supporto 5G.

Non è per nulla dello stesso avviso C Manmohan, General Manager di POCO, secondo il quale POCO F2 non si indentificherà come un puro e semplice rebrand del Redmi K30 Pro in salsa internazionale. Come per il primo modello POCO F1, anche il successore dovrebbe contraddistinguersi per delle ottime specifiche tecniche, oltre che per un prezzo assai contenuto (probabilmente non sarà possibile assicurare lo stesso listino di lancio del POCOPHONE F1, che ricordiamo essere stato di circa 275 dollari al cambio attuale, ma i vertici aziendali hanno comunque garantito il costo sarà comunque concorrenziale).

Tutto lascerebbe anche pensare il POCO F2 monterà a bordo il processore Snapdragon 865, un altro elemento a favore del POCO F2. Come avrete capito anche voi le informazioni disponibili al momento appaiono ancora molto incerte, e per certi versi pure in contrasto tra loro: non ci resta che aspettare il mese di maggio per vedere finalmente presentato il POCO F2, che prenderà il posto dell’apprezzato POCOPHONE F1, ormai da diverso tempo non più acquistabile (per il dispiacere di chi magari ci aveva ancora fatto un pensierino). Nel frattempo avremo cura di riportarti in un nuovo articolo tutte le altre indiscrezioni che quasi certamente arriveranno sul conto del prossimo POCO F2 (in fondo per il mese entrante mancano ormai pochi giorni). Se avete domande da farci il box dei commenti in basso è a vostra completa disposizione: vi risponderemo il prima possibile.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.