Aptoide: rubati e pubblicati dati di oltre 20 milioni di utenti

Non se la passa bene Aptoide, depredato da un attacco hacker: sottratti dati di oltre 20 milioni di utenti

3
CONDIVISIONI

I dati sensibili di più di 20 milioni di utenti Aptoide sono stati trafugati barbaramente, per poi essere pubblicati su in forum di hacking (39, invece, sarebbero i milioni di dati a disposizione dell’hacker): come riportato da ‘zdnet.com‘, lo store di applicazioni terze per dispositivi Android è stato preso di mira da un attacco hacker, che sarebbe stato sferrato ad inizio aprile.

Trattasi di ‘informazioni personali identificabili’ (tra cui la data di iscrizione, gli indirizzi IP, le informazioni sul dispositivo e la data di nascita, il nome ed il cognome) di utenti che hanno provveduto a registrarsi su Aptoide tra il 21 luglio 2016 ed il 28 gennaio 2018. Aptoide è stata prontamente informata della situazione, ed ha, per il momento, deciso di sospendere le registrazioni. Lo store di app terze per dispositivi Android ha parlato al condizionale, affermando anche che il team è a lavoro per appurare quanto accaduto, e per eventualmente correggere la defezione qualora fosse stata confermata.

Aptoide, per chi non lo sapesse, ha sede in Portogallo, e vanta più di 150 milioni di utenti in tutto il mondo. Era ottobre 2018 quando l’azienda lusitana accusò Google di essersi servito del sistema di sicurezza proprietario Play Protect per contrassegnare come ‘pericolosa’ la sua applicazione, provvedendo a disinstallare dai dispositivi degli utenti senza che questi ne fossero stati messi al corrente. La società, in seguito a quell’azione, avrebbe perso più di 2,2 milioni di utenti in 2 mesi. Se vi siete registrati nel periodo sopracitato ad Aptoide, non è escluso che pure i vostri dati siano stati pubblicati. Speriamo che il negozio di applicazioni terze per dispositivi Android corra ai ripari il prima possibile (sempre che l’attacco hacker venga confermato dal team di sviluppo). In caso di domande, il box dei commenti in basso è a vostra disposizione.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.