Come funziona l’app Immuni di Bending Spoons per il tracciamento, download prossimo

Sarà questa l'app che consentirà di non perdere d'occhio i potenzialmente contagiati

18
CONDIVISIONI

Come funziona l’app Immuni sviluppata da Bending Spoons e individuata dal commissario straordinario Arcuri come quella che consentirà il tracciamento per l’emergenza Covid-19? Ancora, quando si potrà scaricarla e dunque ci sarà il via definitivo al download attraverso gli store Google Play per Android e iTunes? I prossimi passaggi della ben nota Fase 2 del contenimento al nuovo coronavirus vanno tutti esaminati.

Come funziona l’app Immuni

L’app Immuni progettata da Bending Spoons garantirà l’anonimato: questo è di certo il primo elemento da sottolineare per l’osservanza del diritto alla privacy fondamentale anche in questo momento di emergenza.

Sulla scelta dell’app Immuni ha forse certamente pesato il fatto che lo strumento non ricorre ai dati di geolocalizzazione ma piuttosto a quelli della connettività bluetooth degli smartphone degli utenti. Come conseguenza, dunque, non saranno tracciati gli spostamenti delle persone ma con assoluta certezza si saprà se nei paraggi ci sono persone positive e contagiate per regolarsi di conseguenza.

Scendendo più nel particolare, la connettività bluetooth consentirà di rilevare la vicinanza di due smartphone entro un metro. Ad ogni telefono sarà associato un codice identificativo anonimo attraverso il quale si conosceranno le informazioni relative proprio a quella persona, se positiva o meno. Addirittura l’app consentirà di ricostruire gli spostamenti delle persone registrare e isolare potenziali contagiati in ogni momento.

La stessa app Immuni funzionerà anche come diario clinico di ogni utente registrato. In particolar modo, chiunque aderirà al servizio dovrà aver cura di inserire dati quotidiani, riportando eventuali sintomi influenzali, la temperatura corporea e molto altro. Quanta più collaborazione ci sarà sotto questo aspetto, tanto più lo strumento sarà funzionale sempre per il tracciamento dei possibili contagiati.

L’app Immuni sarà obbligatoria?

Il tracciamento con l’app Immuni sarà obbligatorio? Tutti saranno tenuti a scaricare necessariamente lo strumento? Assolutamente no. Il Governo ha fatto sapere che l’adesione al servizio sarà facoltativa ma è fortemente consigliata, questo è chiaro.

In effetti è stato calcolato che solo con un’utilizzo dell’app da parte del 60% della popolazione si potranno davvero tracciare i possibili contagi e dunque il servizio sarà utile,

Quando sarà possibile scaricare l’app Immmuni?

L’app Immuni è nelle fasi finali di sviluppo da parte del team Bending Spoons. In particolar modo, l’ok del Governo delle scorse ore consentirà agli esperti di perfezionare lo strumento e testarlo ancora per eventuali bug. Va chiarito dunque che, per il momento, non è possibile alcun download sul Play Store come su iTunes proprio della specifica app per la quale, insomma, si dovrà attendere.

Probabilmente l’app Immuni entrerà realmente in funzione solo all’inizio della ben nota Fase 2 con la ripresa di molte attività produttive e la riapertura di diverse tipologie di negozi. Il via definitivo potrebbe dunque coincidere con l’inizio del mese di maggio ma questa discussione è ancora oggetto di accese discussioni.

Per quanto fra qualche settimana il download dell’app potrebbe dunque essere già possibile, ecco che il suo utilizzo potrebbe anche essere limitato (in un primo momento) a determinate regioni italiane che fungeranno da ulteriore bacino di test. Ogni novità da questo punto di vista sarà certamente messa in rilievo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.