Wagner Moura di Narcos è Vieira de Mello nel film Sergio, la vera storia del diplomatico dell’ONU ucciso in Iraq

Wagner Moura, l'ex Pablo Escobar, di Narcos è il protagonista del film Sergio, la storia vera del diplomatico brasiliano Vieira de Mello

2
CONDIVISIONI

Il nome di Wagner Moura, per molti, è ancora associato al volto di Pablo Escobar nelle prime due stagioni di Narcos, ma la carriera dell’attore che ha impersonato il celebre narcoterrorista colombiano nel frattempo è andata avanti. Oggi il brasiliano Moura è su Netflix con Sergio, un film diretto da Greg Barker sulla coraggiosa vita del diplomatico Sérgio Vieira de Mello, morto durante la guerra in Iraq in un attentato a Baghdad, dove era in servizio come rappresentante speciale delle Nazioni Unite.

Barker aveva già raccontato la storia di Sérgio Vieira de Mello nel documentario omonimo del 2009, già presente nel catalogo di Netflix: dieci anni dopo, ha realizzato un film sceneggiato sulla stessa storia, disponibile sulla piattaforma dal 17 aprile 2020. Protagonista è un Wagner Moura molto diverso dai tempi di Narcos, sia fisicamente che per il ruolo che è chiamato ad interpretare.

Sergio Vieira de Mello è stato un diplomatico brasiliano e alto ufficiale dell’ONU, che ha servito per 34 anni girando il mondo in Paesi dilaniati dalle guerre e dalla povertà. In Africa, in Asia, come in Europa, Vieira de Mello ha lavorato per implementare i programmi umanitari e politici dell’ONU. Noto per essere un idealista e un convinto sostenitore della necessità di risoluzioni non violente per i grandi conflitti internazionali, è intervenuto in contesti di altissima tensione come la Cambogia, dove è stato inviato speciale dell’Alto commissario per i rifugiati, il Timor Est, la Bosnia e il Kosovo negli anni Novanta, prima di accettare nel 2003, non senza qualche riserva, l’incarico offertogli dal segretario generale Kofi Annan di rappresentante speciale delle Nazioni Unite per l’Iraq. Nella sua carriera diplomatica ha anche fondato il Programma delle Nazioni Unite per il diritto alla casa (UNHRP) e il Progetto educativo delle Nazioni Unite per i diritti umani (UNHREP). Da molti era considerato, per esperienza sul campo e carisma naturale, un potenziale candidato per la carica di segretario generale delle Nazioni Unite.

Rimase ucciso durante l’attentato all’Hotel Canal a Baghdad nell’agosto del 2003, insieme a 21 membri del suo staff. Aveva 55 anni. La Giornata Mondiale dell’Aiuto Umanitario istituita dall’ONU dopo la sua scomparsa cade proprio nel giorno della sua morte, il 19 agosto, per celebrarne l’impegno costante per la pace e i diritti umani.

Il film di Greg Barker ricostruisce la storia di Sergio Vieira De Mello su una base documentaristica ma vuole mostrarne anche il lato più umano e personale, visto che a differenza del precedente documentario il film racconta anche la storia d’amore con la collega Carolina Larriera, interpretata da Ana de Armas. La sceneggiatura, che prova a bilanciare la ricostruzione storica e il dramma sentimentale, è firmata dallo scrittore di Dallas Buyers Club Craig Barton.

Per Wagner Moura è uno dei ruoli più importanti dopo il bagno di popolarità con Narcos. Il film è stato premiato al Sundance Festival 2020 ed è distribuito in tutto il mondo da Netflix.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.