Il finale di NCIS 17 sarà necessariamente il 20° episodio, con un’eccezionale guest star: salta l’appuntamento n. 400

Anche il finale di NCIS 17 sarà un finale obbligato: causa Coronavirus, il 20° episodio di questa stagione sarà l'ultimo e il 400° slitta a settembre

30
CONDIVISIONI

Come quasi tutte le serie tv in onda in questo periodo, anche NCIS 17 è costretta a fermarsi prima del solito causa Coronavirus, terminando la stagione con meno episodi del previsto.

Martedì 14 aprile andrà in onda su CBS, negli Stati Uniti, il ventesimo episodio dal titolo The Arizona, che sarà anche l’ultimo per questa stagione televisiva.

Inizialmente composta da 24 episodi, NCIS 17 è stata ridotta a 20 a causa della pandemia da Coronavirus che ha fermato la stragrande maggioranza delle produzioni televisive nel mondo, imponendo a quasi tutte le serie – e in particolare quelle in onda sulla tv generalista che hanno tempi ristretti tra produzione e messa in onda – di concludersi prima del previsto.

Le riprese di NCIS sono state fermate lo scorso marzo, come quelle di Grey’s Anatomy, The Walking Dead e molte altre – in seguito alle prime misure restrittive adottate negli Stati Uniti per contenere la diffusione del contagio da Covid-19. Il ventesimo episodio di NCIS 17 è stato l’ultimo realizzato prima che il set fosse chiuso, di conseguenza sarà il finale di stagione obbligato.

Questo stato di cose ha anche rimandato inevitabilmente il raggiungimento di un episodio che avrebbe segnato una pietra miliare nella storia del procedural, il numero 400: ovviamente è un appuntamento sul solo rimandato, come fa sapere lo showrunner Frank Cardea, parlando a TvLine. Come tutti gli episodi che segnano una cifra tonda nella storia di una serie, anche il 400° sarebbe stato speciale e avrebbe avuto una trama all’altezza del traguardo raggiunto, ha spiegato il produttore esecutivo: “Avevamo pianificato cose speciali per questo, la CBS stava organizzando una grande festa per noi… Ma ci rifaremo“.

L’episodio n.400 avrà “una sceneggiatura molto interessante su come Gibbs e Ducky si sono incontrati“, anticipano gli showrunner, e sarà necessariamente il secondo della diciottesima stagione, che potrà contare su questo appuntamento speciale per una partenza in pompa magna. Non che la serie ne abbia bisogno, visto che dopo 17 anni è ancora, incredibilmente, la più vista di CBS. L’emittente non ne ha ancora annunciato il rinnovo, ma con i suoi solidi dati d’ascolto il ritorno a settembre è praticamente scontato.

NCIS 17×20, invece, non sarà un vero e proprio finale di stagione ma potrà almeno contare su una guest star d’eccezione: Christopher Lloyd (il Doc di Ritorno al Futuro) appare nell’episodio nei panni di un bizzarro uomo di 95 anni che afferma di aver prestato servizio nella USS Arizona durante l’attacco a Pearl Harbor nel 1941 e come tale è determinato a far riposare le sue ceneri con i suoi compagni della Marina quando arriverà la sua ora. Ma Gibbs nutrirà non pochi dubbi sulla veridicità della sua storia e il team proverà a capire se si tratta di un veterano o di un truffatore.

Christopher Lloyd in NCIS 17×20

Ecco il promo e due anteprime di NCIS 17×20.

In Italia la programmazione di NCIS 17, in onda al sabato sera su Rai2, è stata interrotta per lasciare spazio all’approfondimento sull’attualità con Petrolio Files.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.