Alessandro Borghi in Diavoli è Massimo Ruggero “l’uomo al bivio” della serie, sarà vittima o carnefice?

L'attore di Suburra Alessandro Borghi è pronto a calarsi nei panni di Massimo Ruggero, l'uomo al bivio di Diavoli, quale sarà il suo ruolo?

128
CONDIVISIONI

I fan in crisi d’astinenza da Suburra e che non sanno ancora quando si tornerà sul set per concludere la terza stagione, potranno seguire Alessandro Borghi in Diavoli a partire da venerdì 17 aprile su Sky Atlantic. Il nuovo gioiellino originale della rete ci terrà compagnia al venerdì sera ma anche  On Demand e in streaming su NOW TV mettendo dalla stessa parte, almeno all’inizio, un uomo potente e spregiudicato e quello che è stato definito “l’uomo al bivio” ovvero Massimo Ruggero.

Sky ha alzato il velo sulle caratteristiche del personaggio di Alessandro Borghi in Diavoli svelando proprio che Massimo sarà il “cuore” a differenza da quello interpretato da Patrick Dempsey, il temuto Dominic Morgan. Il gioane Ruggero ha lasciato l’Italia per trasferirsi a Londra senza poter contare su nessuna raccomandazione e nessun appoggio ma riuscendo dove altri ce l’hanno fatta solo grazie famiglie potenti alle spalle.

Massimo Ruggero viene definito il perfetto esempio di self-made man, colui che, cresciuto in un villaggio di pescatori, riesce a sfruttare capacità ed intuito arrivando, in pochi anni, a ricoprire il poso di Head of Trading della New York – London Investment bank (NYL), una delle banche d’investimento più grandi della City. Sarà proprio qui che incontrerà quello che possiamo definire il suo mentore, Dominic Morgan, un uomo che ha saputo sfruttare al meglio quello che la sua famiglia e il matrimonio con Nina gli hanno regalato, ovvero soldi e potere.

Massimo, invece, ha rinunciato alla sua felicità e alla moglie Carrie, per arrivare dove si trova adesso, seguito da un team di fedelissimi ma tenuto d’occhio da alcuni nemici che vorrebbero estrometterlo al suo primo colpo sbagliato. Alessandro Borghi in Diavoli regala al personaggio il suo sguardo penetrante che ben si allinea alla mente rapida e alla lettura psicologica del prossimo che deve mettere in campo tutti i giorni per agire prima degli altri, spesso prima del mercato stesso. Tutto quello che ha passato e l’uomo che è diventato lo hanno trasformato in un uomo introverso e cauto ma mai priva di un umorismo quasi cinico che lo rende un leader perfetto e che lo ha fatto notare da Dominic, CEO della NYL.

A mettere a rischio il loro legame è la complessità dei loro caratteri ma anche i molti segreti che tengono stretti. Saranno proprio questi a far storcere il naso a Massimo che, a quel punto, dovrà scegliere se stare con Dominic o contro di lui con tutto quello che questo significherà. Chi sarà il vero Diavolo della serie e come finirà questa intensa storia?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.