Locked, il videogioco italiano sviluppato ai tempi del Coronavirus

Sviluppato in sole 72 ore da tre artisti italiani in quarantena, Locked sensibilizza sul tema del COVID-19 e sulle azioni da compiere per prevenirne la diffusione

6
CONDIVISIONI

In tempi di quarantena nasce Locked, un videogioco tutto italiano realizzato da tre talentuosi sviluppatori. E che, dell’allarme sanitario dovuto alla pandemia da COVID-19, fa il su fulcro per una causa indiscutibilmente nobile. Costretti come tutti a casa in queste settimane difficili, Federico Boccardo (Game Design/Art), Alessio Cusano (Programming) e Nicolas Mihoc (Art/Sound) hanno quindi deciso di organizzare una gamejam per dare vita a questo interessante progetto, che non vuole solo intrattenere appassionati e curiosi, ma anche informare su quello che sta succedendo nel mondo. E come la nostra società ne sta fisiologicamente gestendo le conseguenze.

Locked, pianificato e sviluppato in sole 72 ore dai tre artisti di Eye Bags Studio in Unity, è già disponibile per essere giocato, per altro in via del tutto gratuita sul sito ufficiale messo in piedi in tempo record dal team tricolore. Il videogioco ci mette alla guida di una nazione fittizia, chiedendoci di compiere delle scelte cruciali nel tentativo di arginare la pandemia. Scelte che, proprio come sta accadendo nella vita reale, sono fondamentali per limitare i danni e l’impatto tanto sanitario quanto economico, senza dimenticare quello – già citato – a livello sociale. Con un approccio strategico e gestionale, Locked ci permette soprattutto di riflettere sulle conseguenze delle scelte e dei sacrifici che i politici e i “semplici” cittadini sono chiamati a fare per combattere insieme battaglie tanto impegnative contro le pandemie, ed in particolare il Coronavirus.

Semplicemente (video)giocando, gli utenti vengono allora sensibilizzati sul tema COVID-19 e su tutte quelle azioni fondamentali da portare avanti per prevenirne la diffusione, ovvero la quarantena spontanea e il necessario – per quanto doloroso – distanziamento sociale. Il progetto, come poi dichiarato dagli autori, non ha alcuno scopo commerciale: cosa ne dite, siete curiosi anche voi di provarlo? Nel frattempo, sul nostro sito trovate qualche titolo consigliato per restare a casa e da scaricare gratuitamente sulle vostre PS4.

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.