AGCM contro la sospensione delle portabilità telefoniche

AGCM non vede di buon occhio la proposta di sospensione delle portabilità telefoniche fino al 18 maggio

7
CONDIVISIONI

Le portabilità telefoniche sono un argomento sempre all’ordine del giorno in questo periodo di emergenza sanitaria da Coronavirus: c’è un emendamento della Lega al Decreto Cura Italia che prevede la sospensione delle procedure di migrazione dei numeri di telefono fino al 18 maggio, cosa che non incontra il favore dell’AGCM. L’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato, pur apprezzando la volontà e la necessità di tutelare la salute pubblica, afferma che un’iniziativa del genere potrebbero pregiudicare la ripresa economica e le possibilità di crescita una volta cessata l’emergenza.

AGCM temere che bloccare le portabilità telefoniche andrebbe a danneggiare soprattutto i consumatori, ingessando la competitività in alcuni settori produttivi. La premura dell’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato è quella di precisare che le portabilità telefoniche e la maggior parte delle procedure di passaggio vengono elaborate da remoto, e quindi senza intercessioni fisiche: un emendamento chiamato a bloccare la migrazione da un operatore all’altro e la creazione di nuovi numeri di telefono si configurerebbe come una misura non proporzionata, seppur in una fase di emergenza sanitaria critica come quella che stiamo vivendo.

Non dare agli utenti la possibilità di cambiare provider di telefonia fissa e mobile significherebbe negare loro l’opportunità di individuare l’offerta commerciale più adatta alle proprie esigenze, generando un danno non indifferente (specie in un momento come questo dove le difficoltà finanziarie sono all’ordine del giorno in quasi tutte le famiglie, quale di più e quale di meno). Non è affatto convinta l’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato dell’emendamento proposto dalla Lega circa la sospensione delle operazioni delle portabilità telefoniche e della creazione di nuovi numeri, ad eccezione di quelle situazioni che lo richiedono per un upgrade tecnologico. Voi da che parte sentite di stare? Fatecelo sapere lasciando un commento all’articolo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.