Di nuovo a rischio le portabilità dei numeri di telefono fino al 18 maggio

La Lega ci riprova con l'emendamento al Decreto Cura Italia: portabilità dei numeri di telefono a rischio fino al 18 maggio

16
CONDIVISIONI

Sono nuovamente a rischio le portabilità dei numeri di telefono fino al 18 maggio: se in questo articolo vi avevamo parlato di un passo indietro rispetto all’emendamento proposto dalla Lega, siamo qui a riparlarvi della proposta. Come riportato da ‘ilsole24ore‘, tale emendamento prevede che, per via dell’emergenza sanitaria da Coronavirus che stiamo ancora attraversando, le portabilità dei numeri di telefono siano sospese fino al 18 maggio, sia per quanto riguarda le utenze fisse che mobili, così come la creazione di nuovi numeri, ad eccezione di quelli necessari all’attivazione di nuove connessioni o di standard di connettività più elevati.

La Lega ha voluto riprovarci, bloccando le portabilità dei numero di telefono fino al 18 maggio. L’emendamento prevede anche debbano essere sospese le campagne commerciali straordinarie relative alla contrattazione di servizi di comunicazioni digitali che implichino la portabilità del numero, e più in particolare la presenza fisica degli utenti presso i centri di attenzione al pubblico. Quel che si vuole scongiurare è l’intervento fisico da parte dei tecnici richiesto per garantire la continuità del servizio di comunicazione durante il passaggio tra diversi gestori telefonici (come sopra segnalato, fanno eccezione le situazioni in cui l’utente richieda l’intervento per un upgrade della tecnologia in uso).

L’emendamento della Lega che blocca le operazioni di portabilità dei numeri di telefono non è stato ancora approvato: vedremo cosa succederà nei prossimi giorni. C’è un grande dibattito in corso circa il blocco delle portabilità dei numero di telefono, argomento che divide gli stessi operatori di telefonia. I sindacati di categoria naturalmente spalleggiano l’emendamento delle Lega, mentre le associazioni dei consumatori sono in chiaro disaccordo con la proposta di legge. Non sappiamo ancora come andrà a finire, ma intanto diteci voi cosa ne pensate attraverso il box dei commenti in basso.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.