Don Matteo 13 come Montalbano, Terence Hill anticipa la nuova stagione e propone un format rivoluzionario

Terence Hill anticipa Don Matteo 13 e propone le sue idee per il nuovo ciclo di episodi: vedremo un format simile a quello di Montalbano?

208
CONDIVISIONI

Ora che Don Matteo 13 è ufficiale, Rai Fiction e Lux Vide sono già al lavoro sulla nuova stagione. Terence Hill, volto storico del parroco di Spoleto, potrebbe interpretare quel ruolo ancora per parecchi anni, come rivela in un’intervista rilasciata a TV Sorrisi e Canzoni.

L’attore anticipa di avere già qualche idea per i prossimi episodi, ma sa che non sarà facile riuscire a sorprendere le aspettative del pubblico. L’ultimo episodio di Don Matteo 12 ha registrato più di 7 milioni di spettatori e, nonostante le diverse polemiche sulla svolta narrativa, la fiction Rai continua a piacere. Stavolta, per la stagione numero 13, Terence Hill propone un altro format rivoluzionario. Dopo le dieci serate a tema Dieci Comandamenti, l’attore ammette il duro lavoro dietro un prodotto televisivo come Don Matteo, che richiede due anni di lavoro (uno per la stesura della sceneggiatura, e nove mesi di riprese). Tempi biblici – per restare in tema – che permettono di mandare in onda una stagione ogni due anni.

La mia idea è di cambiare la struttura, sul modello di Montalbano, e fare non dieci ma cinque episodi per ogni stagione. In questo modo i tempi di scrittura si ridurrebbero e la permanenza sul set si limiterebbe a quattro-cinque mesi. Inoltre ciascuno di noi avrebbe più tempo per stare con la famiglia e il pubblico avrebbe un Don Matteo nuovo ogni anno.

Tra i temi che vorrebbe portare in scena in Don Matteo 13, c’è quello del traffico delle armi. Un argomento che a Hill interessa, ma ammette: “Gli argomenti seri li lascio agli sceneggiatori, che sono bravissimi. Io, al massimo, mi limito a suggerire qualche spunto per il mio personaggio.” Il protagonista confessa, però, di aver pensato a una simpatica idea per un episodio incentrato sull’affetto di Don Matteo per la sua intramontabile bicicletta, che non cambierebbe per nulla al mondo.

Nell’ultima puntata della stagione 12, molti fan hanno temuto il peggio per Anna. Hill li rassicura, confermando che la capitana non lascerà Spoleto:

La capitana Anna, non si tocca: se ce la tolgono, Nino Frassica e io facciamo sciopero! A parte gli scherzi, Maria Chiara Giannetta è stata bravissima. La sua non è una bellezza prorompente ma quella di una donna che ha una personalità. Come lei, non possiamo toccare i personaggi storici della serie: il maresciallo Cecchini, Pippo e Natalina. Piuttosto, penso a qualche nuovo arrivo, magari un ospite in canonica. Vedremo, gli sceneggiatori lavoreranno sicuramente anche a questo.

L’ultima puntata ha avuto anche la funzione di crossover: è stato introdotto il protagonista di Doc Nelle tue Mani, nuova fiction Rai prodotta da Lux Vide, che ha preso il posto di Don Matteo 12 nel palinsesto. Terence Hill ha avuto modo così di conoscere e recitare con Luca Argentero: “Una persona gentile oltre che un bravissimo attore. Il medico di Doc mi sembra un ottimo personaggio, sia per come è stato scritto sia per come Luca lo ha interpretato.”

La pandemia di Covid-19 ha messo in ginocchio molte produzioni televisive e cinematografiche. Vista la situazione, i fan dovranno attendere molto più del previsto per vedere Don Matteo 13, la cui uscita potrebbe slittare a non prima del 2022.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.