Westworld 3×03 apre la strada a un nuovo mistero: chi è davvero Charlotte Hale?

Tessa Thompson è una splendida conferma nei panni della nuova Charlotte Hale, attraversata da una crisi d'identità pressoché inedita nella serie

2
CONDIVISIONI

Westworld 3×03 segna un nuovo passo in avanti verso la trasformazione della serie di Jonathan Nolan e Lisa Joy. L’introduzione di nuovi personaggi – dal dolente Caleb (Aaron Paul) al potente e ambiguo Serac (Vincent Cassel) – non appesantisce l’impianto narrativo poiché non porta a un sovrapporsi costante di prospettive e linee temporali.

Di conseguenza Westworld può continuare a stuzzicare i fan sulle possibili motivazioni delle sue principali new entry senza impedire loro di godersi l’evoluzione della storia. A differenza della seconda stagione, infatti, Westworld 3 riesce a reinventarsi e rendere la serie più fruibile grazie a un approccio più lineare alla scrittura e un piacere immediato ed evidente nell’uso di effetti speciali legati soprattutto all’intelligenza artificiale.

Ciò non significa però che la serie intenda stravolgere ciò che è nella propria natura. La tagline della stagione – il libero arbritrio non è libero – riecheggia infatti le fondamentali questioni sull’identità e la libertà già affrontate nelle stagioni precedenti e si rafforza ulteriormente in Westworld 3×03.

Lo si percepisce in modo chiaro e doloroso nella discussione con cui Dolores (Evan Rachel Wood) introduce Caleb alle perverse macchinazioni di una raccolta dei dati mai fine a stessa, ma indirizzata invece a previsioni sul comportamento umano che sono veri e propri condizionamenti dell’agire.

Westworld Stg.1 (Box 6 Dischi 4K+Br)
  • Attributi: Blu-Ray Ultra HD 4K, Serie TV
  • Anthony Hopkins, Ed Harris, Evan Rachel Wood (Actors)

Inoltre l’approccio meno criptico alla narrazione non impedisce a Wesrtworld 3×03 di introdurre un nuovo mistero: chi è davvero Charlotte Hale? L’interpretazione di Tessa Thompson dà valore e dignità a una storyline che evidenza la crisi di identità di un host ancora senza nome.

La morte della vera Charlotte – di cui si coglie un barlume di umanità nel video di addio lasciato al figlio Nathan – permette infatti a Dolores si ricrearne un’identità fedele alla propria causa, ma non chiarisce chi abiti l’involucro della – doppia? – talpa in Delos.

La nuova Charlotte ha una missione, dunque, il cui svolgimento è legato alla capacità dell’host di integrarsi nella vita del corpo che abita. Pur riuscendo a impossessarsi della vita quotidiana e delle incombenze della vecchia Charlotte, la nuova mostra una fragilità e una crisi d’identità pressoché inedita per gli host della serie.

Westworld Stg.2 (Box 6 Br)
  • Anthony Hopkins, .Ed Harris, .Evan Rachel Wood (Actors)

La consapevolezza della distanza fra la sua natura di host e gli obiettivi della vera Charlotte evidenziano il disagio della sua replica, la necessità quasi incontrollabile di ferirsi e la dipendenza – a metà fra il romantico e il maniacale – dalle rassicurazioni e dalla vicinanza fisica di Dolores.

I momenti di fragilità e lo scollamento fra una missione che avrebbe dovuto accettare in un batter d’occhio e gli imprevedibili sentimenti di umanità che dimostra in più di un’occasione sono il momento più alto in Westworld 3×03 e fanno della storyline di Charlotte Hale una delle più intriganti della stagione. La questione da chiarire è chi sia davvero Charlotte Hale; quale sia l’host di cui Dolores si fida così tanto, che sostiene di conoscere come nessun altro.

L’ipotesi più immediata non è certo la più probabile. Difficile che la nuova Charlotte possa quindi essere Teddy, l’host sì più vicino a Dolores, ma forse meno incline allo svolgimento di un piano che richiede freddezza e accettazione senza compromessi. Il personaggio interpretato da James Marsden ha avuto con Dolores un legame romantico, più che la dipendenza quasi infantile dimostrata dalla nuova Charlotte, e la fine a lui riservata da Westworld 2 pare perfettamente in linea con il personaggio.

Tra le teorie più discusse fra gli appassionati spicca l’idea secondo cui la nuova Charlotte possa essere Wyatt, il cui rinascere sarebbe un ideale ricongiungimento di Dolores alla parte di sé più selvaggia e spietata. Questo spiegherebbe la fiducia di Dolores, le tenere rassicurazioni nella suite dell’hotel e l’idea di conoscersi meglio di chiunque altro, ma forse non l’immatro bisogno di rassicurazioni e di guida nel prosieguo della missione.

Improbabile, ma non impossibile, è infine che la nuova Charlotte possa essere William/l’Uomo in nero, finalmente riapparso nel promo di Westworld 3×04. Nella clip dell’episodio in arrivo il 5 aprile il personaggio di Ed Harris pare messo duramente alla prova, ma come sempre non disposto a gettare la spugna. Si è già arrivati a metà stagione, e sarà interessante scoprire se la sua storyline sarà solo accennata in vista di un vero e proprio sviluppo nella futura Westworld 4.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.