Freud non è una serie sulla psicanalisi ma un folle work in progress a cui possiamo dare una possibilità

Freud è una serie surreale ben lontana dal biopic che tutti pensano, ma è davvero da scartare?

57
CONDIVISIONI

Freud sì oppure no? Il nostro è un sì e non perché la serie Netflix sia qualcosa di impedibile o di cui non potrete fare a meno, ma perché in questo particolare momento di reclusione forzata è sicuramente un folle work in progress a cui possiamo dare una possibilità. Fatto sta che in giro i commenti sono tutti gli stessi e riguardano la psicanalisi mancata, il biopic fallito che alcuni pensavano di trovare negli episodi che compongono la prima stagione della serie Netflix, ma perché?

Il popolo italiano si è riscoperto pasticcere e mastro pastaio in casa mentre gli abbonati Netflix addirittura esperti di psicanalisi ed è per questo che si sono avvicinati a Freud solo per scoprire qualcosa in più sulla nascita delle sue discusse e controverse teorie. Niente di più sbagliato. Nessuno ha mai annunciato la serie come un biopic o un trattato sulle origini della psicanalisi, e anche quell’iniziale pendolo che il protagonista fa oscillare davanti alla sua domestica, non riesce a trarre in inganno lo spettatore.

View this post on Instagram

#robertfinster

A post shared by Robert Finster Official (@robertfinsterofficial) on

Il protagonista di Freud è un giovane neurologo acerbo nella Vienna del XIX, un emarginato social che non può godere della compagnia della sua fidanzata proprio perché ritenuto folle anche dalla comunità scientifica a cui appartiene che continua a denigrarlo e deriderlo. Se a questo aggiungiamo il fatto che è solo un povero squattrinato che non riesce nemmeno a pagare l’affitto il gioco è fatto. Il suo obiettivo, però, non è diventare ricco ma scardinare le teorie dell’epoca a cominciare dall’isteria, titolo dell’episodio pilota.

A tenere insieme gli otto episodi della prima stagione ci pensano una serie di omicidi che sembrano essere frutto di quello che possiamo definire un serial killer, ma qual è il suo volto e quali sono le armi attraverso cui opera? Dipendente dalla sua voglia di scrutare l’animo umano, quello che chiama casa, e dalla cocaina, Freud si lascia travolgere dalle indagini dell’agente Alfred Kiss (Georg Friedrich) e dalla misteriosa medium tormentata Fleur Salomè (Ella Rumpf).

Da questo momento in poi lo spettatore sarà travolto proprio come il personaggio di Robert Finster distinguendo spesso a fatica tra ciò che è reale o ciò che è frutto di una visione o di una percezione alterata. I generi messi insieme sono tanti mentre il ritmo rimane lento e questo potrebbe allontanare gli amanti della “velocità” già al secondo episodio, ma poi c’è qualcosa che ci tiene incollati allo schermo, una vera e propria sorta di follia ben mixata in cui la psicanalisi diventa un pretesto per una sorta di thriller ben orchestrato che non delude gli amanti del genere.

View this post on Instagram

Jeder hat eine dunkle Seite.

A post shared by Netflix DE (@netflixde) on

Sicuramente i punti di forza di Freud possono diventare difetti visti da un’altra prospettiva. La voglia di calcare spesso la mano piazzando alcune scene che sembrano davvero sospese e quasi “fastidiose”, momenti di libertà narrativa che si trasformano in eventi poco credibili rispetto al contesto potrebbero far storcere un po’ il naso ma quello che si evince è che Freud è sicuramente un work in progress che fa leva su una fotografia magistrale che sa rendere cupi anche gli interni e non solo la splendida Vienna.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.