Come ricevere la ricetta medica dematerializzata via email, telefono e WhatsApp

Ecco come richiedere la ricetta medica via email, telefono e WhatsApp per ridurre gli spostamenti

18
CONDIVISIONI

Non c’è più bisogno di recarsi dal dottore per farsi segnare la ricetta medica: le restrizioni ad oggi attive prevedono di poterla ricevere tramite email, SMS o su WhatsApp. Come riportato da ‘ilfattoquotidiano.it‘, lo ha precisato il Ministro della Salute Roberto Speranza, ribadendo l’assoluta necessità di ridurre all’osso gli spostamenti per contenere la diffusione del Coronavirus.

Si parla di un processo di dematerializzazione vero e proprio, che la burocrazia italiana ha avviato nel 2011. La ricetta elettronica è munita di un codice univoco di identificazione, denominato NRE (Numero di Ricetta Elettrica), impiegato dal farmacista ed accompagnato dal codice fiscale del cliente per poter avere accesso al sistema e risalire alla prescrizione medica, sempre prevista. Si tratta, in definitiva, di pervenire al codice NRE, da poter richiedere via email (l’assistito dovrà fornire al proprio medico di famiglia l’indirizzo di posta elettronica certificata, PEC, o quello di posta ordinaria, PEO). Un altro canale di ricezione del Numero di Ricetta Elettronica è l’SMS (in questo caso bisognerà indicare al medico il proprio numero di telefono). Lo stesso discorso dicasi per WhatsApp, anch’esso un mezzo efficace per la ricezione del codice NRE. In alternativa, se vi è più facile, lo scambio di informazioni potrà avvenire anche tramite comunicazione telefonica (previa indicazione al medico del proprio numero di telefono).

Vi occorre una ricetta medica? In questo stato di emergenza sanitaria da Coronavirus bisognerà richiedere al prescrittore il rilascio del promemoria dematerializzato, così da evitare di passare in studio e riducendo di conseguenza il rischio di contagio da Coronavirus. La nota ufficiale che fa fede a quanto predisposto dal Ministro della Salute e dal Capo Dipartimento della Protezione Civile parla chiaro. Come vedete, ricevere la ricetta medica via email, SMS o su WhatsApp non è affatto difficile.

Commenti (1):
sfvmilano

ci voleva il corona virus per ottimizzare i tempi…. bisogna aspettare sempre i disastri prima di agire e mi auguro che una volta terminata la quarantena non si torni più indietro…

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.