Tokyo 2020 addio. Lo sport si arrende al Coronavirus. La maledizione olimpica del Giappone come nel 1940

Anche l'Olimpiade Tokyo 1940 non si disputò a causa della II Guerra Mondiale. Il dramma della Pellegrini che forse ha perso l'ultima occasione della vita

195
CONDIVISIONI
Tokyo 2020 arriva il rinvio

Il Giappone consente al rinvio di un anno. Cancellata Olimpiade Tokyo 2020. Appuntamento nell’estate del 2021. Il dramma di Federica Pellegrini.

E’ l’ora più buia per lo sport moderno. Prima di Tokyo 2020 l’Olimpiade si era fermata soltanto per la guerra. La prima guerra mondiale costrinse il mondo ad un balzo da Stoccolma 1912 ad Anversa 1920. La seconda guerra mondiale cancellò il 1940 ( olimpiade assegnata proprio a Tokyo).

Lo stop di Tokyo 2020 E’ una decisione dolorosa ed inquietante. Un fatto epocale che dimostra quanto terribile sia la pandemia che sta sconvolgendo il pianeta. Adesso c’è da vincere la gara per la vita.

S’interrompe la sequenza olimpica come avvenuto nel 1916 quando non si disputò la VI Olimpiade ed il mondo saltò dalla V di Stoccolma alla VII di Anversa. Così come dall’XI Olimpiade di Berlino si passò dodici anni dopo alla XIV di Londra con le due Olimpiadi del 1940 (XII) e 1944 (XIII) mai disputate.

L’Olimpiade è il tempo che intercorre tra un appuntamento quadriennale e l’altro. E la sequenza continua a svilupparsi anche se l’evento non si svolge. Nella Grecia classica l’indizione dei Giochi Olimpici determinava l’interruzione di ogni lotta tra le polis elleniche sempre in guerra tra di loro.

Gli atleti potevano raggiungere lo stadio-santuario di Olimpia attraversando senza pericoli i territori nemici. Lo sport era sacro al punto che nel XXIII Canto dell’Iliade Omero interrompe la guerra tra Greci e Troiani per far celebrare dei giochi in onore di Patroclo ucciso da Ettore. Anche San Paolo descrive la vita di un cristiano paragonandola alla corsa di un atleta verso la gloria eterna.

Questa sacralità è stata sovente contaminata in tempi moderni da interessi economici, doping, lotte politiche. Ma l’Olimpiade era comunque il momento più alto dell’agonismo non solo sotto il profilo tecnico ma anche del messaggio di pace. Citius, fortius, altius. Migliaia di atleti di tutto il mondo stavano preparandosi all’appuntamento. Alcuni potranno ricominciare il contro alla rovescia per Tokyo 2021. Ma per alcuni, come Federica Pellegrini, il tempo potrebbe esser finito.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.