“Permette? Alberto Sordi”: stasera su Rai 1 l’inizio della carriera del mito del cinema italiano

Questa sera, su Rai 1 alle 21,25, andrà in onda il film "Permette? Alberto Sordi", diretto da Luca Manfredi

36
CONDIVISIONI

La sera del 24 marzo, Su Rai 1, alle ore 21,25, andrà in onda il film Permette? Alberto Sordi, diretto da Luca Manfredi e interpretato da Edoardo Pesce. Un’occasione per riscoprire questo personaggio del cinema italiano e per ripercorrere, insieme a lui, la commedia italiana del secolo scorso.

Il film è stato realizzato per celebrare i 100 anni dalla nascita di “Albertone” ed è stato proiettato sul grande schermo dal 24 al 26 febbraio 2020. A produrre questa pellicola è stata Rai Fiction insieme a Ocean Productions.

Edoardo Pesce presta il volto al protagonista. L’attore, classe ’79, è già stato premiato per la sua interpretazione in Dogman (di Matteo Garrone) con un Nastro d’argento e un David di Donatello.

Permette? Alberto Sordi segue gli inizi della carriera di Sordi. Questa avventura comincia quando l’attore venne espulso dall’Accademia di Recitazione dei Filodrammatici di Milano a causa della sua parlata romana. Alberto, per seguire quella che definisce come “una vocazione naturale”, decide di non arrendersi, diventando la voce di Oliver Hardy e facendosi notare grazie ai suoi primi spettacoli. In quegli anni, incontrò Federico Fellini (interpretato da Alberto Paradossi) che, dopo aver compreso il talento dell’artista, decise di farlo recitare nel film Lo Sceicco Bianco e ne I Vitelloni.

Nel cast troviamo, oltre ai già citati Edoardo Pesce e Alberto Paradossi, Giulietta Masina, Francesco Foti (Vittorio De Sica), Lillo Petrolo (Aldo Fabrizi), Paola Tiziana Cruciani (la madre di Sordi), Luisa Ricci, Michela Giraud, Paolo Giangrasso e Giorgio Colangeli.

L’appuntamento con Permette? Alberto Sordi è quindi fissato per il 24 marzo 2020 alle ore 21,25.

Leggi la recensione completa di “Permette? Alberto Sordi” su Optimagazine.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.