Come cambiano le ricariche WindTre dal 16 marzo: eSIM promesse

Le novità previste per i clienti dell'operatore unico da questo lunedì di metà marzo

7
CONDIVISIONI

Come è possibile effettuare ricariche Wind Tre da oggi 16 marzo? Come è noto a tutti i clienti dei due vettori, proprio da questo lunedì si parte con l’operatore unificato in tutti i suoi aspetti: nel logo, nella gestione degli utenti e soprattutto nella copertura di rete. La domanda su come effettuare un nuovo accredito telefonico è dunque lecita, per capire se cambierà qualcosa nella procedura o tutto sommato sarà la stessa.

Proprio da quest’oggi, presso i rivenditori autorizzati come edicole e tabaccai (sempre aperti durante questa emergenza per il coronavirus), saranno disponibili le nuove ricariche fisiche WindTre che differiscono da quelle “singole” nell’aspetto, non certo nella sostanza. Attraverso una serie di tweet, il nuovo operatore unico fa sapere che tutti gli esercenti sono stati opportunamente informati dei cambiamenti e sapranno guidare i clienti nel modo giusto.

Le nuove ricariche WindTre saranno a disposizione sia dei nuovi clienti del brand unico, sia dei vecchi utenti legati solo a Wind oppure solo a Tre. Nelle ricevitorie, edicole e tabaccai potrebbero essere presenti ancora degli stock di ricariche Tre. Queste potranno continuare ad essere utilizzate dai clienti Tre appunto ma, nonostante la fusione totale dei vettori che avviene oggi, non garantiranno alcun accredito ai clienti Wind.

Dopo aver dettagliato le ultime novità relative alle ricariche Wind Tre va detto pure che il nuovo operatore unico ha promesso (nei prossimi giorni) l’arrivo delle eSIM, ossia le schede telefoniche virtuali per i suoi clienti. Dopo TIM, in Italia dunque, anche il vettore unico sarebbe in grado di garantire agli utenti un servizio fondamentale sui telefoni di ultima generazione: basti pensare ai recentissimi Samsung Galaxy S20 e anche al pieghevole Motorola RAZR. Per l’importante novità manca all’appello soltanto Vodafone fra i grandi operatori italiani che sembrerebbe essere decisamente in ritardo, a tal riguardo, rispetto alla concorrenza.

Commenti (1):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.