Problemi Rainbow Six Siege: i server non funzionano oggi 14 marzo

I server dello shooter tattico di Ubisoft stanno cedendo sotto il carico di connessioni a causa del Coronavirus?

1
CONDIVISIONI

I giocatori di Rainbow Six Siege non riescono a giocare oggi, 14 marzo 2020. Come successo nei giorni passati per Fortnite o per i titoli più gettonati di casa Electronic Arts e Activision – da Call of Duty Modern Warfare a Apex Legends, passando pure per Battlefield 5 e la simulazione calcistica FIFA 20 -, anche lo sparatutto tattico a marchio Ubisoft sta creando non pochi grattacapi a tutti i suoi appassionati su un po’ tutte le piattaforme di riferimento, quindi PC, PlayStation 4 e Xbox One.

Come è possibile leggere sul sempre puntuale Downdetector – sito che si occupa di raccogliere le segnalazioni di malfunzionamenti da parte dei player per qualsiasi servizio che richieda una connessione di rete -, i più grandi problemi di Rainbow Six Siege in data odierna sono legati soprattutto alla stabilità dei server, che rende impossibile completare le patite multigiocatore online o addirittura entrane nei match tramite matchmaking. Non mancano difficoltà per il log-in, con l’impossibilità di accedere al proprio profilo.

Le segnalazioni sono centinaia, ma non dovrebbero stupire. Con l’allarme Coranavirus al suo picco e il decreto ministeriale che obbliga i cittadini italiani a restare a casa – salvo comprovata necessità -, i server di un po’ tutti i videogame più gettonati sono stati presi d’assalto, causando per l’appunto un vero e proprio collo di bottiglia. Il PlayStation Network, ad esempio, ha fatto registrare un picco di accessi del 70% negli ultimi tre giorni sono dallo Stivale. Non allarmatevi dunque per Rainbow Six Siege, la situazione è del tutto normale allo stato delle cose, e dovrebbe essere risolta nel giro di qualche ora.

Offerta
Tom Clancy's Rainbow Six Siege - PlayStation 4
  • Piattaforma: PlayStation 4
  • Versione lingua: italiano

Potremo così tornare ad impugnare il nostro arsenale di fiducia nella Stagione 1 dell’Anno 5, iniziata da pochissimo e chiamata Operation Void Edgecon tanto di due nuovi operatori giocabili, vale a dire l’olandese Iana e il giordano Oryx. Non solo, all’interno del videogame d’Oltralpe l’operatrice Ash potrà assumere l’identità di Lara Croft, la celebre eroina della serie Tomb Raider, grazie ad una skin dedicata.

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.