Il migliore di tutti il Huawei P40 Pro PE: conviene non perderselo

Occhi puntati sul Huawei P40 Pro PE: la versione premium del top di gamma cinese

65
CONDIVISIONI

Il 26 marzo assisteremo in streaming alla presentazione dei Huawei P40 e P40 Pro: il dispositivo più atteso di tutti, però, potrebbe essere il Huawei P40 Pro PE, un modello che più performante non si può. Come riportato da ‘gizmochina.com‘, il device ha fatto la propria comparsa sul sito del negozio coreano Danawa, dall’alto delle sue 7 fotocamere complessive (5 posteriori e 2 frontali) con zoom periscopico e 2 sensori 3D ToF (uno anche sulla parte anteriore). Non mancano lo schermo OLED da 6.7 pollici e risoluzione di 1440×3160 pixel a 518ppi con refresh rate a 120Hz e la batteria da 5500mAh con ricarica rapida a 50W via cavo (27W via wireless).

Il Huawei P40 Pro PE includerebbe il processore Kirin 990 5G, 12GB di RAM, 512GB di ROM, il sensore di impronte digitali sotto lo schermo, una fotocamera posteriore quintupla (sensore principale da 52MP, secondario da 40MP, un terzo da 8MP, un obiettivo con zoom periscopico ed un 3D ToF). La fotocamera frontale sarà doppia, con sensori da 32MP e 3D ToF con EIS e OIS. Presente la certificazione IP68 contro liquidi e polvere, il Bluetooth 5.1, il GPS, l’USB-C e l’NFC. Il Huawei P40 Pro PE potrebbe vestirsi di un bianco candido, che non ha nulla a che vedere con le colorazioni gradienti che il produttore cinese ha finora proposto (anche se siamo sicuri alcuni altri effetti di luce particolari non mancheranno).

Il prezzo del device si aggirerà intorno ai 1199 ed i 1299 euro. Questo è tutto per quel che riguarda il Huawei P40 Pro PE, anche se poi bisognerà attendere comunque il 26 marzo per avere conferma di quanto detto. Di certo c’è, per il momento, il P40 Lite, acquistabile da oggi 13 marzo in Italia con le cuffie Huawei FreeBuds 3 in regalo (dal valore commerciale di 179 euro).

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.