BoB, Best Of Barone: Simone Tomassini racconta la sua amicizia con Vasco Rossi da Red Ronnie

Non mancano gli sketch divertenti, come quando il cantautore intona Sincero di Bugo e Morgan nella versione alterata

187
CONDIVISIONI

Nella prima clip del BoB, Best Of Barone che riassume il Barone Rosso di lunedì 17 febbraio ritroviamo Simone Tomassini, cantautore ispirato e amico di Vasco Rossi. Il legame tra i due artisti non si traduce in una semplice collaborazione tra artisti: ciò che li unisce è una profonda amicizia, perché se da una parte Simone è stato il protagonista di numerosi opening act del rocker di Zocca, dall’altro vanta la sua posizione di figlio spirituale del Blasco.

Forgiato all’interno dell’etichetta Bollicine di Vasco, Simone Tomassini ne ha ereditato la sensibilità e l’arte, tanto da tradurre in musica la poesia Giorni tratta dal Diario Di Bordo ’95, una raccolta di poesie inedite del Kom. Vasco aveva approvato e Giorni era diventato un singolo di Simone Tomassini.

Non è tutto: Simone racconta con commozione le parole che il rocker di Zocca gli ha rivolto quando suo padre e suo nonno hanno lasciato questa Terra. Fino ad oggi hai fatto l’impossibile, ora devi fare il possibile, gli ha detto Vasco per tirarlo su e ancora oggi Simone Tomassini fa tesoro di quelle parole.

Un padre spirituale, Vasco, che gli ha anche consigliato di non smettere mai di fare musica: “Devi arrivare alla mia età senza vergognarti di cantare”, e questa è la lezione che oggi Simone continua a seguire. Quando si parla dell’autore di Albachiara, poi, non si può non scomodare la dissacrante ironia. Durante una conferenza stampa, infatti, Simone gli aveva detto che solo un’altra persona riesce a fare i suoi numeri quando si parla di grande pubblico. Vasco, risentito e sospettoso, gli aveva chiesto quale fosse l’altro artista in grado di trascinare folle oceaniche. “Il Papa”, gli aveva risposto Simone.

Simone Tomassini
  • Simone Tomassini
  • Audio CD – Audiobook

Arriva il momento della musica. Il Barone Rosso di Red Ronnie è uno spazio esclusivo: gli artisti portano con sé le loro storie, i loro strumenti e la loro libertà, ma soprattutto i loro ricordi. Simone Tomassini ha partecipato a quel Sanremo di Tony Renis che nel 2004 non distinse tra Nuove Proposte e Big, una scelta che portò le case discografiche a boicottare il Festival.

In quel “Sanremo pazzo”, come il cantautore ama definirlo, Simone Tomassini partecipò con il brano È Stato Tanto Tempo Fa e nel format di Red Ronnie con Optimagazine come media partner decide di eseguirlo con la sua chitarra acustica.

A Simone dobbiamo riconoscere la capacità di essere diretto e capace, quando esprime emozioni: le sue rime sono intuitive e i suoi periodi cristallini e questo non lascia spazio all’inequivocabilità del suo messaggio. Per questo parliamo di cantautore ispirato, anche quando per Ci Sarà Il Sole declina l’invito ad eseguirla per favore l’esecuzione di Ho Scritto Una Canzone, uno dei brani scartati da Amadeus per Sanremo 2020.

Ciò che accade nel testo è un abbraccio a tutte le persone e gli animali, da chi attende i saldi per rinnovarsi il guardaroba perché durante l’anno non gode di un certo potere d’acquisto all’artista che non trova la strada per esprimere la sua arte.

Sempre a Sanremo, poi, Simone si è visto scartare un pezzo scritto da Andrea Bonomo, lo stesso autore del brano Sincero di Bugo e Morgan. Simone scherza col suo pianista che si mette a suonare l’intro proprio di Sincero: “Sei sicuro, maestro? Non era questa!”. Terminato il breve sketch Tomassini canta Ovunque, un brano che di discosta altamente da Ho Scritto Una Canzone: il testo è più elaborato pur poggiandosi un giro armonico semplice e intuitivo.

Questo è Simone Tomassini e questa è la sua voglia di fare musica: un cantastorie della gente comune che scrive per offrire una voce di conforto al pubblico. Nessuno è più solo da quando l’uomo si è scoperto artista.

Prima di lasciare il Barone Rosso, infine, Simone e il suo pianista interpretano la versione modificata di Sincero e scoppiano le risate soprattutto sul finale, quando il cantautore dice: Che succede? Dov’è Bugo?.

La capacità di un artista è anche quella di scherzare sull’attualità senza risultare borioso né antipatico. Simone è un ragazzo che ha fatto un patto col Diavolo, visto che il suo aspetto è sempre giovane, sensibile e giocoso.

Di seguito la prima clip del Bob, Best Of Barone con Simone Tomassini, ospite del Barone Rosso di lunedì 17 febbraio.

Per vedere tutte le puntate del Best of Barone clicca qui oppure visita la playlist ufficiale su YouTube.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.