Coachella 2020 rinviato a ottobre causa Coronavirus, slittamento ufficiale per rischio contagio: nuove date e biglietti

Coachella 2020 rinviato a ottobre causa Coronavirus, la scelta degli organizzatori a causa dell'epidemia Covid-19: ecco le nuove date e la politica dei biglietti

11
CONDIVISIONI

La decisione era già nell’aria da giorni e alla fine si è rivelata l’unica praticabile: è ufficiale l’annuncio del Coachella 2020 rinviato a ottobre per prevenire la potenziale diffusione del Coronavirus in un ambiente ad alto rischio contagio.

Chi ha partecipato al Festival o lo ha seguito in streaming in questi anni, sa benissimo che, come tutti i grandi eventi di massa che prevedono un grande assembramento di persone, violerebbe anche le minime misure di prevenzione per la diffusione di un virus così contagioso come il Covid-19.

Coachella 2020 rinviato a ottobre

Inevitabile, dunque, il rinvio del Coachella 2020 a ottobre: dopo aver cercato soluzioni possibili per non annullare l’evento previsto – come da tradizione – in due weekend di aprile (10-12 e 17-19), gli organizzatori hanno ufficialmente spostato il più grande festival di musica indie al mondo all’autunno.

Il rinvio del Coachella 2020 a ottobre, reso necessario dall’impossibilità di tutelare i partecipanti all’evento dal rischio contagio, è stato comunicato ufficialmente dai canali social degli organizzatori: la kermesse è stata riprogrammata in due fine settimana autunnali e andrà in scena dal 9 all’11 ottobre e dal 16 al 18 ottobre, come sempre a Indio, nella Contea di Riverside.

Il comunicato degli organizzatori sul Coachella 2020 rinviato a ottobre

La società Goldenvoice, che organizza il Festival, ha spiegato di voler salvaguardare così sia la salute dei lavoratori che avrebbero dovuto allestire gli show, sia quella degli artisti e del pubblico – che a decine di migliaia di persone si sarebbe riversato a Indio, California, per assistere a decine di concerti nel corso dei due weekend di aprile.

Sebbene questa decisione arriva in un momento di incertezza universale, prendiamo molto sul serio la sicurezza e la salute dei nostri ospiti, del personale e della comunità” hanno dichiarato gli organizzatori annunciando il nuovo appuntamento autunnale. La stessa società ha rinviato anche un altro dei suoi Festival, lo Stagecoach, la kermesse di musica country all’aperto che avrebbe dovuto tenersi sempre a Indio dal 24 al 26 Aprile: anch’essa verrà riprogrammata dal 23 al 25 ottobre 2020. Non è chiaro se gli artisti in cartellone rimarranno gli stessi, ma la riprogrammazione potrebbe essere stata decisa già sulla base della disponibilità degli artisti previsti nella line-up – da Rage Against the Machine a Travis Scott e Frank Ocean, passando per Calvin Harris, Thom York e Lana Del Rey – per le nuove date.

Biglietti validi per il Coachella 2020 a ottobre o rimborsabili

I biglietti già acquistati per entrambi i Festival restano validi per l’appuntamento di ottobre, ma sarà possibile chiedere un rimborso del prezzo dei ticket qualora si fosse impossibilitati a partecipare nelle nuove date, come spiega il comunicato degli organizzatori del Coachella.

Sotto la direzione della contea di Riverside e dei funzionari sanitari locali, dobbiamo purtroppo confermare la riprogrammazione di Coachella e Stagecoach a causa delle preoccupazioni per il COVID-19. Sebbene questa decisione arrivi in ​​un momento di incertezza universale, prendiamo molto sul serio la sicurezza e la salute dei nostri ospiti, dipendenti e comunità. Invitiamo tutti a seguire le linee guida e i protocolli presentati dalle autorità sanitarie pubbliche. Coachella si svolgerà il 9, 10 e 11 ottobre e il 16, 17 e 18 ottobre 2020. Lo Stagecoach si svolgerà il 23, 24 e 25 ottobre 2020. Tutti i biglietti acquistati per le date di aprile saranno onorati da date riprogrammate per ottobre. Gli acquirenti saranno informati entro venerdì 13 marzo su come ottenere un rimborso se non saranno in grado di partecipare. Grazie per il vostro continuo supporto e non vediamo l’ora di vedervi nel deserto questo autunno.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.