Non spaventa il prezzo per Xiaomi Mi 10 Pro: boom di vendite nei primi giorni

Ottimo impatto sul mercato per uno smartphone destinato a fare la differenza durante il 2020

2
CONDIVISIONI
Xiaomi Mi 10 Pro

C’erano enormi dubbi nelle scorse settimane a proposito di un device come il cosiddetto Xiaomi Mi 10 Pro. Non tanto per la scheda tecnica, se pensiamo ad esempio quello che è in grado di fare la fotocamera secondo alcune indicazioni riportate la scorsa settimana, quanto per il prezzo di listino dello smartphone Android. Il device in questione, infatti, ha aperto una nuova frontiera per il brand cinese, rendendo i suoi costi simili a quelli dei top di gamma Huawei e Samsung. Insomma, molti appassionati si sono chiesti se per uno Xiaomi l’utente medio si sarebbe mai sognato di spendere cifre vicine ai quattro zeri.

Primo boom di vendite per Xiaomi Mi 10 Pro

Ebbene, una prima risposta c’è stata per Xiaomi Mi 10 Pro. A fornirla è stata il CEO Lei Jun, come riportano i colleghi di Gizchina. A suo dire, infatti, il primo flash sale è andato oltre ogni aspettativa per il nuovo top di gamma Android, al punto da concludersi con ben 100.000 vendite. Ovviamente non siamo ancora ai livelli dei più grandi produttori di smartphone, ma va anche sottolineato che in altri continenti (a partire proprio dall’Europa) non sia ancora avvenuta la commercializzazione del tanto chiacchierato smartphone.

Insomma, un primo segnale dal mercato effettivamente c’è stato, nonostante questo brand abbia fatto le sue fortuna soprattutto con la famiglia Redmi per scalare posizioni con le proprie quote di mercato. Resta da capire come andranno le cose nelle prossime settimane per Xiaomi Mi 10 Pro, quando ci sarà un’autentica prova del nove dopo il suo arrivo qui da noi.

Vi ricordo, a tal proposito, che le prossime vendite partiranno dal 3 marzo, anche se al momento non abbiamo ancora date precise per quanto riguarda l’Italia. E voi che ne pensate? Riuscirà il nuovo Xiaomi Mi 10 Pro ad imporsi con un prezzo di listino per nulla basso?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.