Le feature migliori di PS5? Quelle ancora non annunciate

Cresce la curiosità attorno alla nuova console di casa Sony, che sarebbe pronta a sorprendere con l'annuncio di feature ancora non rivelate

È una PS5 alquanto misteriosa quella che, a distanza di meno di un anno dalla sua uscita, ancora di nasconde allo sguardo dei fan. I primi mesi del 2020 sarebbero dovuti essere quelli del suo reveal, per rispondere alle mosse di Microsoft e della sua Xbox Series X. Nulla di fatto però, quando mancano pochi giorni alla fine del mese di febbraio. E nulla lascia presagire – almeno in via ufficiale – che la situazione possa cambiare nel giro di poco tempo.

Con Sony che ha deciso di disertare il PAX East 2020 di Boston, sfuma un’altra possibilità di vedere finalmente in tutto il suo splendore il nuovo hardware del colosso nipponico. La primavera dovrebbe quindi essere il momento clou per la presentazione, sebbene non sia possibile fare stime precise. I tempi a disposizione per effettuare un fantomatico preorder si assottigliano, così come anche la pazienza dei fan.

PS5, il meglio deve ancora venire

Ad alimentare la fiamma dell’hype ci pensano però come sempre le immancabili voci di corridoio. E sono proprio queste a inquadrare PS5 come l’avversario da battere per quanto concerne la prossima generazione di console. E fautore di questa teoria è uno studio che ha già ampiamente dimostrato di saperci fare nello sfruttamento dell’hardware a disposizione.

Si tratta infatti di 4A Games, team che ha portato sulla scena videoludica una serie del calibro di Metro, e che è già proiettato nella next-gen- Stando alle parole del Direttore Tecnico, il CTO Oles Shishkovstov, diverse sono le cose ancora non svelate di PS5. E proprio queste ultime potrebbero risultare, alla prova dei fatti, le più interessanti in senso assoluto.

In particolar modo, nel corso di un’intervista rilasciata a Digital Foundry, Shishkovstovsi è soffermato sull’illuminazione dinamica. Il Ray Tracing avrebbe infatti prodotto risultati spettacolari, appannaggio del fotorealismo portato sugli schermi dei videogiocatori.

E le ultime voci che coinvolgono il controller della prossima console di casa Sony preludono (qualora confermate) a grandissime cose. Si parla addirittura di rilevatori di sudore delle mani, oltre che della frequenza cardiaca e di altro ancora. Roba futuristica ma che potrebbe proiettare il media videoludico oltre qualsiasi frontiera tecnologica precedentemente conosciuta.

Non resta quindi altro da fare se non pazientare, come sempre, e attendere che il colosso nipponico faccia la sua mossa.

Fonte

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.