BoB, Best Of Barone: il rap-denuncia di Regina Safylle’ e l’importanza della musica contro la violenza

Rapper e avvocato, Regina crede nella musica come veicolo di messaggi e portatrice di cambiamento

345
CONDIVISIONI

Nella nuova clip del BoB, Best Of Barone scopriamo Regina Safylle’, ospite della puntata del 3 febbraio del Barone Rosso, il format di Red Ronnie di cui Optimagazine è media partner. In questa occasione lo show si è tinto di rosa con una puntata tutta al femminile.

Regina Safylle’ ha molto a cuore il rap e la sua città: Napoli è al centro della sua arte, e per questo decide di raccontarla anche negli episodi più tristi che continuano a macchiare una delle città più belle del mondo. Red Ronnie l’ha scoperta su segnalazione di Maria Luisa Iavarone, docente dell’Università “Partenope” di Napoli e impegnata con le devianze minorili. Nel suo lavoro, infatti, è sempre in contatto con i minori a rischio.

Regina Safylle’ racconta che Maria Luisa Iavarone è nota soprattutto per un evento di cronaca: nel dicembre 2017 Arturo, il suo primogenito, è stato aggredito in via Foria, a Napoli, da una baby gang che gli ha inflitto 16 coltellate senza alcun motivo.

“Esiste una sorta di lotta tra chi studia e va avanti e chi vive la strada, come a voler fissare un primato, spiega l’artista. In quel periodo Regina, che è anche avvocato, stava scrivendo un pezzo su quell’episodio e aveva incontrato Maria Luisa Iavarone in un convegno sulla devianza minorile. Profondamente colpita dal racconto della madre di Arturo, le aveva riferito di essere al lavoro su un pezzo insieme a un rapper, un ragazzo di strada.

In questo modo ha fatto sì che i due mondi si incontrassero: da una parte un rapper che viene dalla strada, dall’altra i ragazzi che vivono la strada. Il brano Babygang è un featuring tra Regina Safylle’ e il rapper El Koyote, con un testo di denuncia e un flow interamente in napoletano.

I Found A Dream è il secondo pezzo eseguito da Regina Safylle’, una ballata cantata un po’ in inglese e un po’ in napoletano, lontana dai canoni del rap e più vicina al pop filtrato nell’r’n’b.

Regina Safylle’ non è soltanto un’artista rap: il suo impegno si consuma anche sul territorio, e per questo spiega che il rap nasce per denuncia, non per parlare della donna con il linguaggio di oggi – numerose, in questo senso, sono state le denunce portate avanti da Red Ronnie e Grazia Di Michele – anzi, trattandosi di musica, la musica deve soprattutto veicolare dei messaggi.

L’artista, insieme al DJ Dr. Cyborg, eseguono Al Di Là Del Muro, un brano in cui invita a fronteggiare le paure e a vincerle. Nel testo, infatti, immagina un vero e proprio duello tra la paura personificata e l’uomo, faccia a faccia in una stanza in cui finalmente arriva il momento di chiudere i conti.

L’arrangiamento è ben diverso da quello dei due brani eseguiti in precedenza: il beat è più deciso e scopriamo l’apporto degli archi campionati che fanno diventare il brano una sorta di danza minacciosa.

Di seguito la prima clip del BoB, Best Of Barone del 3 febbraio con Regina Safylle’.

Per vedere tutte le puntate del Best of Barone clicca qui oppure visita la playlist ufficiale su YouTube.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.