A Londra c’è una strada intitolata a Freddie Mercury

Londra intitola una strada a Freddie Mercury

47
CONDIVISIONI

A Londra adesso c’è una strada intitolata a Freddie Mercury. Il cantante dei Queen vanta una strada a lui dedicata, inaugurata nella giornata di ieri. Tra gli invitati alla cerimonia anche sua sorella, in rappresentanza della famiglia.

Freddie Mercury Close è il nome della strada inaugurata lunedì 24 febbraio a Londra in memoria dell’artista morto nel 1991.
Freddie Mercury Close si trova nel quartiere di Feltham, nella parte occidentale di Londra, dove la famiglia dell’artista si trasferì non appena raggiunto il Paese.

La famiglia di Freddie Mercury, proveniente da Zanzibar, si spostò a Londra nel 1964 insieme ad un giovane Farrokh Bulsara, nome all’anagrafe dell’artista. Nato nel1946 a Zanzibar, Freddie Mercury trovò la morte a Londra il 24 novembre 1991.

Cantautore, compositore e musicista, il duo decesso avvenne all’età di 45 anni nella sua casa di Logan Place. La causa fu una broncopolmonite aggravata da complicazioni dovute all’AIDS. Al suo fianco, fino all’ultimo momento, c’era Dave Clark – musicista, compositore e produttore discografico.

Nel 1970, Freddie Mercury fondò il gruppo rock dei Queen insieme al chitarrista Brian May e al batterista Roger Meddows-Taylor. L’anno successivo, a loro si aggiunse il bassista John Deacon. 

Carismatico e talentuoso, Freddie Mercury ha fatto la storia della musica internazionale e ieri Londra ha voluto omaggiarlo e ricordarlo attraverso l’intitolazione di una strada. La Freddie Mercury Close è una strada privata senza uscita che fa parte della Hanworth Road, nota accogliere la sede della World Zoroastrian Organization che da oggi cambia indirizzo in Freddie Mercury Close, 1.

La sua famiglia risiedeva non troppo distante dalla via a lui dedicata. Quando si trasferì a Londra, Freddie Mercury viveva infatti a Gladstone Avenue, al civico numero 22. Sulla parete della sua abitazione è stata già posta una placca commemorativa nel 2016.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.