Cast e personaggi di Gentefied su Netflix, dal 21 febbraio la dramedy prodotta da America Ferrera

Famiglia, identità e un'anima Spanglish: ecco cos'ha da offrire la nuova serie Netflix prodotta da America Ferrera, star di Ugly Betty

Negli ultimi anni la rappresentazione Latinx – l’etichetta più inclusiva concepita negli Stati Uniti per richiamare l’eterogenea comunità latinoamericana – sta sperimentando un protagonismo inedito.

Lontani gli anni di Ugly Betty, reti e piattaforme streaming sono state di recente il trampolino di lancio di produzioni di discreta popolarità, da Giorno per Giorno a On My Block, da La Casa de Las Flores a Vida.

Il 21 febbraio si aggiunge alla lista anche Gentefied, su Netflix in una versione estesa rispetto alla web series presentata al Sundance ed esplosa su YouTube nel 2016. Si tratta di una dramedy creata da Marvin Lemus e Linda Yvette Chávez e prodotta da America Ferrera, lanciata proprio da Ugly Betty.

Gentefied su Netflix è la storia di un barrio losangelino in mutamento a causa di una gentrificazione sempre più feroce. I protagonisti sono Ana, Erik e Chris Morales, tre cugini messicano-americani di seconda generazione.

Pop, il nonno che per primo è arrivato nel paese, chiede il loro aiuto per gestire il proprio ristorante messicano e resistere alla chiusura di tanti locali nel quartiere, come anche ai gusti diversi e più sofisticati dei nuovi abitanti della zona.

Questi i dettagli tratti dalla sinossi ufficiale di Gentefied:

[…] In questa tostissima serie bilingue sulla famiglia, la comunità, l’amore delle persone di colore e gli spostamenti che ne pongono fine, tre cugini messicano-americani lottano per raggiungere il sogno americano, nonostante esso minacci ciò a cui tengono di più: il quartiere, il nonno immigrato e il ristorante di taco della famiglia.

Ambientata in un quartiere di Los Angeles soggetto a costanti cambiamenti, questa dramedy Spanglish affronterà temi importanti come l’identità, la classe e i tentativi di bilanciare la popolarità su Instagram con la traduzione dei meme per i genitori. Ma soprattutto, Gentefied chiarirà una volta per tutte come pronunciare Latinx.

Con Gentefied, una lettera d’amore alle comunità Latinx e di Boyle Heights, i creatori Marvin Lemus e Yvette Chávez sperano di dare ai cuginetti che sfoggiano Adidas e Hoops e hanno grandi sogni, la possibilità di ritrovarsi sullo schermo in modi che loro, crescendo, potevano solo sognare.

Al tema della gentrificazione si associa quello più ampio dell’identità latina, quindi, dell’ostilità nei confronti dei migranti e del diverso, dei cambiamenti di una società attratta dalla massificazione e incattivita dall’odio politico.

Nel cast di Gentefied su Netflix figurano Karrie Martin (Ana Morales), Joseph Julian Soria (Erik), Carlos Santos (Chris), Joaquin Cosio (Pop), Julissa Calderon (Yessika Flores), Annie Gonzalez (Lidia Solis), Laura Patalano (Beatriz), Felipe Esparza (Crazy Dave), Rafael Sigler (Pancho Solis), Jaime Alvarez (Javier Fernandez), Bianca Melgar (Nayeli Morales), Michelle Ortiz (Connie), Wilmer Valderrama.

La principale peculiarità della serie, già sperimentata in Vida, è la sua componente Spanglish. Personaggi e situazioni fluiscono fra l’inglese e lo spagnolo, riflettendo la quotidianità Latinx nel quartiere di Boyle Heights, a Los Angeles.

A dare a Gentefied un vantaggio competitivo su altre serie del genere, inevitabilmente etichettate come produzioni di nicchia, è il contributo di America Ferrera, coinvolta nel progetto in veste di produttrice esecutive e anche regista di due episodi.

Originaria dell’Honduras, l’attrice si è detta entusiasta della nuova dramedy di Netflix. [Leggendo la sceneggiatura] ho riso e ho pianto e mi sono sentita rappresentata in un modo che non mi era mai capitato prima, ha spiegato in un’intervista a Variety.

Quando qualcuno ha una buona idea tutti vogliono partecipare, ma sono in pochi a voler davvero dar voce e potere a chi l’ha concepita, perché possa dire “Questa è la mia storia e questo è il mio punto di vista”, spiega.

La gentrificazione ha avuto un peso enorme nella mia vita. […] Sono dovuta diventare una versione di me che potesse essere accettata e avere successo nel mondo. Non so quali parti di me sarebbero sopravvissute o sarebbero spuntate se fossi cresciuta altrove.

In quanto latina cerco sempre una maggiore rappresentazione […] e spero che la mentalità [televisiva] cambi e passi dall’avere una sola serie latina o un solo personaggio latino o un solo successo latino a una visione molto più complessa e multidimensionale della comunità Latinx. E da questo punto di vista c’è ancora molto da fare.

Gentefied debutta su Netflix il 21 febbraio. Ecco il trailer della serie:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.