Sono realtà le multe per IPTV illegale per 223 italiani, Gdf agguerrita

Le sanzioni sono arrivate per davvero ora, tutti i clienti truffaldini sono davvero avvisati

10
CONDIVISIONI

Non sono più solo uno spauracchio le multe per IPTV illegale ma si sono concretizzate in denunce vere e proprie indirizzate a 223 italiani, almeno per il momento: ma il numero potrebbe aumentare.

Nell’ultima parte del 2019, sulle pagine di OM, è stata esaminata la maxi operazione della Guardia di Finanza che ha posto un freno alla ben nota piattaforma Xtreme Codes, punto di riferimento di tanti italiani per godere dello streaming a prezzi davvero stracciati di tutti i servizi Pay TV più noti come Sky, Netflix, DAZN, Infinity e non solo. Allo stop ai servizi truffaldini appunto, era seguito l’annuncio di sanzioni e denunce in arrivo per i semplici clienti: all’iniziale minaccia ora fanno seguito conseguenze concrete, per il momento, per qualche centinaio (appunto) di utenti finali colpevoli di aver aderito all’offerta truffaldina.

Il Nucleo speciale beni e servizi della Guardia di Finanza ha individuato già 223 clienti sul suolo italiano. Questi non solo saranno colpiti da multe per IPTV illegale di cui hanno goduto ma potrebbero subire il sequestro del dispositivo utilizzato per lo streaming, dunque la TV , uno smartphone, un tablet o un computer. La loro condotta volontariamente truffaldina verrà perseguita sulla base della normativa vigente.

Le multe per IPTV illegale possono essere anche molto pesanti: la legge italiana stabilisce fino ad una cifra massima di 25.000 euro di sanzione. Molto probabilmente nessuno degli utenti semplici già colpiti da denuncia dovranno sborsare una cifra simile ma una sanzione dovranno pur conferila a seguito del procedimento a loro carico. A dire il vero, sempre la normativa nostrana, prevede fino a 8 anni di reclusione per chi ha usufruiti di streaming di piattaforme illegali ma, anche in questo caso, la pena potrà essere conferita o meno, a seconda dei singoli casi.

I casi di semplici cittadini denunciati per aver usufruito dei servizi di IPTV illegale in Italia fa certamente scuola nel nostro paese. L’opera dello speciale Nucleo della Guardia di finanza è volta a scovare sempre nuove piattaforme che garantiscono lo streaming illegale, con pochi spiccioli appunto, di eventi sportivi, film, serie TV e molto altro ancora. I potenziali clienti di questi servizi truffaldini, da oggi in poi, dovranno essere ancora più consapevoli dei pericoli che corrono.

Commenti (1):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.