Pronti per l’Europa gli Honor V30, ma senza i servizi Google

Arriveranno in Europa, ma senza i servizi Google, i nuovi Honor V30 e V30 Pro

9
CONDIVISIONI

Sappiamo risalire a novembre l’ufficializzazione degli Honor V30 e V30 Pro per quanto riguarda il mercato cinese. La notizia del giorno, come riportato da ‘GSMArena.com‘, riguarda il traguardo europeo che i due device stanno per tagliare, visto che la predisposizione per la loro commercializzazione nel Vecchio Continente è ormai prossima. Gli Honor V30 dovrebbero arrivare da noi dalla prossima settimana, nonostante l’assenza dei servizi Google.

In pratica, si seguirà quella che è stata la strada del Huawei Mate 30 Pro, posto in vendita in Europa con i Huawei Mobile Services (HMS) in luogo dei Google Mobile Services (GSM). La stessa sorte dovrebbe toccare agli Honor V30 e V30 Pro (se siete interessati dovrete comunque fare i conti col fatto che resteranno sprovvisti dei servizi Google, e di tutte le applicazioni che magari siete soliti utilizzare). Per il resto, nulla da eccepire sulle specifiche tecniche degli Honor V30, che restano di primo livello: processore Kirin 990 (5G nel caso di Honor V30 Pro), fino a 8GB di RAM e 256GB di memoria interna, fotocamera posteriore tripla con sensore primario da 40MP e fotocamera frontale da 32MP, oltre che ad una batteria da 4100mAh.

A questo punto è lecito pensare di poterne sapere qualcosa in più a margine dell’evento stampa, che ricordiamo si consumerà solo in diretta streaming (online), lunedì 24 febbraio, allo scopo di tutelare clienti, addetti ai lavori e giornalisti dall’epidemia da Coronavirus che purtroppo sta diventando sempre più dilagante in territorio locale. In ogni caso, se interessati all’acquisto degli Honor V30 e V30 Pro, sappiate che tra qualche giorno sarà possibile farlo anche in Europa, sempre che siate disposti a fare a meno dei servizi Google (cosa che si ripeterà sistematicamente relativamente a tutti quanti i prodotti dell’OEM cinese, P40 compresi).

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.