Indefiniti ancora i tempi per il 5G Iliad, le ultime da Nokia

Tecnologia di connessione in sviluppo con il noto partner ma i tempi non sono affatto chiari

3
CONDIVISIONI

Quando sarà disponibile la copertura 5G in italia? in questo 2020 si comincerà ad usufruire della rete ultra veloce almeno nelle principali città italiane. Il quarto operatore italiano ha un partner di tutto rispetto per l’implementazione delle infrastrutture ossia Nokia. Peccato tuttavia non siano ancora chiari i tempi in cui, appunto, il grande passo sarà compiuto almeno per una fetta di clienti.

Come sottolinea anche il sito Mondomobileweb e comunicato dalla stessa società, la tecnologia di accesso radio di Nokia denominata AirScale consentirà di supportare la rete 4G/LTE e 5G nello stesso sistema di accesso. Sempre il noto partner si occuperà di installare pure le antenne massive MiMo nell’ottica di offrire una latenza più bassa ai clienti e dunque un’esperienza d’uso nella connettività decisamente migliore. La stessa tipologia di innovazione non investirà solo l’italia ma anche la Francia, per servire ben 17 milioni di clienti tra i due paesi appunto.

La partnership con Nokia per la copertura 5G Iliad strizza anche l’occhio all’ambiente. Con la tecnologia Nokia Zero Emissions sarà possibile attivare le reti ad alta velocità senza emissioni di carbonio, garantendo dunque un impatto decisamente più limitato sul territorio.

Thomas Reynaud, il CEO di Iliad Group, ha commentato nelle ultime ore proprio le notizie relative alla collaborazione con Nokia per il 5G. Ha ribadito che la partnership è solida e garantirà non solo la migliore copertura possibile per i clienti ma anche altri svariati plus per gli utenti dell’operatore. Eppure, l’aspetto da esaminare resta uno solo: purtroppo non sono stati affatto comunicati i tempi esatti in cui la rete in questione verrà accesa almeno in determinate città o aree prestabilite. Sotto questo aspetto di certo il quarto operatore italiano maturerà un ritardo anche importante, almeno rispetto a Vodafone e TIM che già da tempo assicurano la tecnologia di rete in alcune città italiane. Per eventuali comunicazioni per la tabella di marcia bisognerà magari attendere il prosieguo di questo inizio anno 2020.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.