Veramente costosi gli Xiaomi Mi 10: arrivano conferme dall’alto

Alzeranno l'asticella del prezzo gli Xiaomi Mi 10 e Mi 10 Pro: ormai è lecito aspettarsi di tutto

1
CONDIVISIONI

Avevamo già subodorato che gli Xiaomi Mi 10 potessero presentare un prezzo decisamente più alto rispetto a quello a cui l’azienda cinese ci aveva abituato nel corso degli anni, consentendo agli utenti di acquistare un top di gamma a costi più ragionevoli rispetto a quelli proposti dalla concorrenza. Secondo quanto riportato da ‘gizmochina.com‘, quest’anno il trend potrebbe invertirsi, come confermato anche da Lu Weibing (General Manager di Redmi) e Lei Jun (cofondatore e CEO di Xiaomi). La gamma pare ormai essere pronta al grande salto, così da confrontarsi con colossi del calibro degli iPhone e dei Mate di Huawei, non solo sotto il profilo del comparto tecnico e della qualità costruttiva, ma anche rispetto al prezzo del cartellino.

Secondo Weibing la serie MI, così come la MIX, non può più nascondersi: si tratta di fasce premium a tutti gli effetti, che come tali vanno considerate. Questo naturalmente non significa che l’azienda non continuerà a produrre smartphone a buon mercato: ci si dovrà, però, rivolgere agli esponenti del brand Redmi, come nel caso del Redmi K30 5G. Di questo avviso è anche Lei Jun, che rincara la dose affermando che gli Xiaomi Mi 10 e Mi 10 Pro saranno dei veri e proprio dispositivi premium, cui non saranno applicate limitazioni sul prezzo di vendita. In poche parole, non dovrete meravigliarvi nel caso in cui i top di gamma sforino la soglia dei 1000 euro.

Vi ricordiamo che la serie verrà presentata il 13 febbraio in Cina ed il 23 febbraio al MWC 2020 di Barcellona. Ormai siete stati avvisati: preparatevi a mettere mano al portafogli volendo portarvi a casa uno tra lo Xiaomi Mi 10 e la sua variante premium Mi 10 Pro. I bei tempi di una volta sembrano essere finiti: vi sembra giusto così, puntando alla migliore esperienza utente possibile, oppure vi dispiace decisamente?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.